Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 8 marzo 2016

I mari si stanno sollevando al ritmo più rapido degli ultimi 28 secoli

Da “The New York Times”. Traduzione di MR (via Cristiano Bottone)

Di Justin Gillis


Juan Carlos Sanchez ha remato su un kayak con le proprie scarpe su una strada allagata di Miami Beach lo scorso anno. Lynne Sladky/Associated Press

Gli scienziati hanno dichiarato che il peggioramento delle inondazioni di marea nelle comunità costiere americane è in gran parte una conseguenza dei gas serra da attività umana e che il problema diventerà di gran lunga peggiore nei prossimi decenni. Quelle emissioni, principalmente dovute alla combustione di combustibili fossili, stanno causando l'innalzamento dell'oceano al tasso più rapido almeno dalla fondazione dell'Antica Roma, hanno detto gli scienziati. Hanno aggiunto che in assenza di emissioni umane, la superficie dell'oceano salirebbe meno rapidamente e potrebbe persino scendere. L'inondazione di marea sempre più di routine sta rendendo la vita miserabile in luoghi come Miami Beach; Charleston, Carolina del Sud  Norfolk, Virginia, anche nei giorni di sole. Anche se questi tipi di inondazione spesso producono solo 30-60 cm di acqua salata permanente, stanno rendendo la vita difficile in molte città uccidendo prati ed alberi, bloccando le strade di quartiere e intasando i tombini, inquinando le riserve di acqua dolce e a volte mettendo in difficoltà intere comunità isolane  invadendo per ore le strade che le collegano alla terraferma. 

Eventi del genere sono solo dei precursori del danno in arrivo, suggerisce la nuova ricerca. “Penso che ci serva un modo nuovo di pensare alle inondazioni costiere”, ha detto Benjamin H. Strauss, l'autore principale di uno dei due studi correlati pubblicati lunedì. “Non è la marea. Non è il vento. Siamo noi. Questo è vero per la maggior parte delle inondazioni costiere che stiamo vivendo”. Nel secondo studio, gli scienziati hanno ricostruito il livello del mare nel tempo ed hanno confermato che è molto probabile che cresca più velocemente di qualsiasi momento in 28 secoli, col tasso di aumento che cresce nettamente nell'ultimo secolo; in gran parte, hanno scoperto, a causa del riscaldamento che gli scienziati hanno detto è quasi certamente causato dalle emissioni umane. Hanno anche confermato le previsioni precedenti secondo le quali se le emissioni dovessero continuare ad un tasso alto nei prossimi decenni, l'oceano potrebbe salire dai 90 ai 120 cm entro il 2100.


Gli esperti dicono che la situazione diventerebbe di gran lunga peggiore nel XXII secolo ed oltre e probabilmente richiederebbe l'abbandono di molte città costiere. Le scoperte sono l'ennesima indicazione che il clima stabile in cui la civiltà umana ha prosperato per migliaia di anni, con un oceano ampiamente prevedibile che ha permesso la crescita delle grandi città costiere, sta per finire.   “Penso che possiamo essere assolutamente certi che l'aumento del livello del mare continuerà ad accelerare se ci dovesse essere ulteriore riscaldamento, cosa che ci sarà inevitabilmente”, ha detto Stefan Rahmstorf, un professore di fisica dell'oceano all'Istituto Potsdam per la Ricerca sull'Impatto del Clima in Germania e coautore di uno degli articoli, pubblicati online lunedì da una rivista americana, Proceedings of the National Academy of Sciences. (Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze). In un rapporto pubblicato per accompagnare l'articolo scientifico, un'organizzazione di ricerca climatica e comunicazione di Princeton, nel New Jersey, Climate central, ha usato le nuove scoperte per calcolare che circa tre quarti dei giorni di inondazione di marea ora avvengono in città lungo la costa orientale non avverrebbero in assenza di aumento del livello del mare causato dalle emissioni umane. 

L'autore principale del rapporto, il dottor Strauss, ha detto che la stessa cosa è probabile che valga anche su scala globale, in ogni comunità costiera che abbia avuto un aumento dell'inondazione di acqua salata negli ultimi decenni. L'aumento del livello del mare contribuisce solo ad un grado limitato alle enormi e disastrose mareggiate che accompagnano uragani come Katrina e sandy. In proporzione, ha effetti maggiori sulle inondazioni fastidiose che possono accompagnare quelle che sono conosciute come maree reali. Il cambiamento della frequenza di quelle maree è impressionante. Per esempio, nel decennio dal 1955 al 1964 ad Annapolis, nel Maryland, uno strumento chiamato mareografo ha misurato 32 giorni di inondazione. Nel decennio dal 2005 al 2014 è saltato a 394. I giorni di inondazione a Charleston sono saltati da 34 nel decennio precedente a 219 in quello più recente e a Key West, in Florida, la cifra è saltata da nessun giorno di inondazione nel decennio precedente a 32 in quello più recente. 

La nuova ricerca è stata condotta da Robert E. Kopp, un ricercatore di scienze della terra all'Università Rutgers che si è guadagnato il rispetto dei suoi colleghi portando tecniche statistiche elaborate per affrontare problemi di lunga data, come comprendere la storia del livello del mare complessivo. Sulla base di estese prove geologiche, gli scienziati già sapevano che il livello del mare è salito drasticamente alla fine dell'ultima era glaciale, di circa 121 metri, causando il ritiro delle linee costiere di centinaia di chilometri in alcuni luoghi. Sapevano anche che il livello del mare si è sostanzialmente stabilizzato, come il resto del clima, durante gli ultimi millenni, il periodo in cui è nata la civiltà umana. 

Un automobilista che guida dentro all'acqua di marea Charleston,
Carolina del Sud, lo scorso anno. Nel decennio dal 2005 al 2014,
il numero è salito a 219. Stephen B. Morton/Associated Press
Ma ci sono state piccole variazioni del clima e del livello del mare in quel periodo e il nuovo articolo è il tentativo più esaustivo finora di metterle in chiaro. L'articolo mostra che l'oceano è estremamente sensibile alle piccole fluttuazioni della temperatura terrestre. I ricercatori hanno scoperto che quando la temperatura media globale è scesa di un terzo di grado Fahrenheit nel Medioevo, per esempio, la superficie dell'oceano è scesa di circa 7 cm in 400 anni. Quando il clima si è leggermente riscaldato, quella tendenza si è invertita.


“La Fisica ci dice che il cambiamento del livello del mare e il cambiamento di temperatura potrebbero andare di pari passo”, ha detto il dottor Kopp. “Questa nuova registrazione geologica lo conferma”. Nel XIX secolo, man mano che si è affermata la Rivoluzione Industriale, l'oceano ha cominciato a salire vivacemente, salendo di circa 20 cm dal 1880. Sembra poco, ma ha causato un'erosione estesa in tutto il mondo ed è costata miliardi. Dovute in gran parte alle emissioni umane, le temperature globali sono salite di 1°C dal XIX secolo. Il mare è salito a quello che sembra essere un ritmo accelerato, raggiungendo ultimamente un tasso di circa 30 cm per secolo. Uno degli autori del nuovo articolo, il dottor Rahmstorf, ha precedentemente pubblicato stime che suggeriscono che il mare potrebbe salire di 150-180 cm entro il 2100. Ma con i calcoli migliorati del nuovo articolo, la sua stima maggiore è 90-120 cm. 

Ciò significa che la previsione del dottor Rahmstorf ora è più coerente coi calcoli pubblicati nel 2013 dal IPCC, un organismo dell'ONU che periodicamente rivede e riassume la ricerca climatica. Quell'organismo ha scoperto che le continue alte emissioni potrebbero produrre un aumento del livello del mare da 51 a 97 cm durante il XXI secolo. In un'intervista, il dottor Rahmstorf  ha detto che l'aumento alla fine raggiungerà i 152 cm e molto di più – la sola domanda era quanto tempo ci vorrà. Gli scienziati dicono che il recente accordo sul clima negoziato a Parigi non è lontanamente ambizioso a sufficienza da prevenire una fusione significativa della Groenlandia e dell'Antartide, ma se venisse attuato pienamente potrebbe in qualche modo rallentarne il ritmo. “Il ghiaccio fonde in fretta quando le temperature si alzano”, ha detto il dottor Rahmstorf. “E' semplice Fisica di base”.

4 commenti:

  1. Se non sbaglio gli ultimi dati sono del 2012 con circa 12mm di innalzamento medio dai 3-4mm di inizio anni 2000...feedback positivi all'opera..Baratterei volentieri un metro o 2 di innalzamento dei mari con il riscaldamento globale se fosse possibile scindere i due epifenomeni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso che nel 2100 il mare sarà a pochi km da casa mia. E cogli squali dei tropici.

      Elimina
  2. il problema e' che non sappiamo se esistano e quanto siano forti i meccanismi di rinforzo/indebolimento di queste dinamiche. Io propendo per la prevalenza dei meccanismi di rinforzo, perl al semplice ragione che qui non stiamo parlando di un terzo di grado Farenheit (pari a circa 0.15 C) in 400 anni, ma di UN grado Centigrado in 100 anni, sarebbe a dire almeno 26 volte piu' grande. Non c'e' assolutamente paragone, dobbiamo capire che ciascun meccanismo di retroazione ha dei tempi propri di esecuzione, la velocita' e l'entita del forzante principale (effetto serra) e' assolutamente rilevante.
    Puo' darsi che alcune retroazioni agiscano ptanto piu' rapidamente di altre, da cancellare rapidamente le condizioni che permettano l'instaurarsi di retroazioni bilancianti.
    Insomma la massima e' che le cose possono cominciare a peggiorare molto rapidamente all'improvviso, in questo caso i climatologi parlano di "porte magiche" , punti in cui il punto di equilibrio globale si sposta rapidamente verso un altro assetto.

    RispondiElimina
  3. quando dico "se esistano i meccanismi ecc" intendo dire ALTRI meccanismi di cui non siamo ancora a conoscenza.

    RispondiElimina