Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 25 gennaio 2016

Cataclismi dal Polo Nord al Sud America

Da “The Washington Post”. Traduzione di MR (via Michael Mann)


L'innalzamento delle acque costringe a chiudere le strade e ad abbandonare le case. 

Di Darryl Fears e Angela Fritz

Dal tetto del mondo fino a quasi il fondo, un meteo anomalo e senza precedenti ha fatto lievitare le temperature nell'Artico, sferzato il Regno Unito con venti da uragano e generato grandi alluvioni in Sud America.


La stessa tempesta che si è abbattuta sugli Stati Uniti meridionali con tornado mortali e che ha sommerso il Midwest, causando una perdita di vite ancora maggiore, ha continuato verso l'Artico. L'aria sub-tropicale spinta fin lassù ora si trova sopra l'Islanda e, su quello che dovrebbe essere un Polo Nord a temperature di molto sotto allo zero, mercoledì le temperature sembravano raggiungere il punto di fusione – più di 50°C al di sopra della norma. Era più caldo che a Chicago.

In precedenza, solo due volte l'Artico è stato così caldo in inverno. Gli abitanti dell'Islanda si stanno preparando all'eventualità che le condizioni peggiorino di molto mentre una delle tempeste più forti mai registrate irrompa nel Nord Atlantico. Questo “ciclone bomba” raro è arrivato con venti improvvisi di 110 km/h ed onde che hanno sferzato la costa.
Migliaia di miglia a sud, al centro dell'America Latina, le precipitazioni alimentate dall'enorme evento de El Niño nell'Oceano Pacifico hanno inzuppato aree di Paraguay, Argentina, Brasile e Uruguay.

In quella che viene descritta come la peggiore alluvione in mezzo secolo, più di 160.000 persone sono scappate dalle loro case. Il fiume Paraguay in quella nazione si trova a pochi centimetri dal superamento dei suoi argini e il fiume Uruguay in Argentina si trova di 14 metri al di sopra della norma, secondo un servizio della BBC News.

Le drammatiche tempeste stanno concludendo un anno di meteo da record a livello globale, col mese di luglio che è stato misurato come il mese più caldo mai registrato e il 2015 che sta per diventare l'anno più caldo.

Sia in alto che in basso, la costa orientale degli Stati Uniti questo mese chiuderà come il dicembre più caldo di sempre. In gran parte del Nordest fino al Canada, le temperatura a Natale sono salite fino ai 20°C – ingannando cespugli ed alberi fino a a farli fiorire in molte zone. Nell'area di Washington, la forsizia, le azalee e persino le ciliegie all'improvviso si sono trovate in piena fioritura.

“Vedo questa cosa come un doppio smacco”, ha detto Michael Mann, un professore di meteorologia alla Penn State University in una email. “El Niño . . . è un fattore, il cambiamento climatico e il riscaldamento globale antropogenici sono un altro. Mettiamoli insieme ed abbiamo aumenti drammatici di alcuni tipi di eventi di meteo estremi”.

L'impatto è sempre più devastante.

Nel Missouri inzuppato di pioggia, dove sono morte più di una dozzina di persone a causa dell'alluvione, il governatore Jay Nixon (democratico) ha dichiarato lo stato di emergenza.
Quasi due dozzine di argini lungo il fiume Mississippi sono considerati a rischio e le previsioni parlano di livelli record o prossimi al record per quanto riguarda il fiumi e gli affluenti che lo alimentano. Quasi 450 livelli di fiumi da lunedì hanno raggiunto il livello di alluvione, secondo la Geological Survey statunitense.

Dall'Illinois al Texas, dal 26 dicembre sono caduti da 15 a 30 cm di pioggia. Sono stati stabiliti dozzine di nuovi limiti delle precipitazioni nell'ultimo fine settimana, in alcuni casi raddoppiando o triplicando i record precedenti.

I fiumi stanno salendo a livelli pericolosi e storici nel Midwest dopo che piogge battenti hanno spazzato l'area. Gli abitanti di Illinois, Missouri e Arkansas hanno documentato le loro esperienze dell'alluvione. (Jenny Starrs/The Washington Post)
Alluvioni fluviali da “grandi a storiche” sono previste fino a domenica a St. Louis, secondo il Servizio Meteorologico Nazionale. Si prevede che il fiume Mississippi, che passa nel cuore della città, superi di 4 metri il livello di alluvione – uno dei primi tre livelli di sempre. 
E a valle, a Chester nell'Illinois, il fiume è probabile che raggiunga poco meno dei 15 metri del livello della Grande Alluvione del 1993 – che, come racconta l'Ufficio di Idrologia del NOAA, “ha semplicemente sopraffatto tutti e tutto”. 
La cosa più rimarchevole dell'alluvione di questa settimana in tutta la parte centrale della nazione non è la dimensione, ma la tempistica. In circostanze normali, questo grado di alluvioni invernali non è possibile perché non c'è sufficiente umidità nell'aria invernale fredda per sostenere tali precipitazioni complessive. 
Anche se i livelli dei fiumi cominceranno a scendere durante il fine settimana, le acque alluvionali continueranno a scendere a valle sul Mississippi fino a metà gennaio. Li incontreranno il deflusso delle piogge eccessive nel sudest. Memphis, Vicksburg, nel Missouri e Baton Rouge, in Louisiana, sono tutte pronte per una alluvione significativa. 
In Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord, le scene sono state simili per gran parte di questa settimana man mano che le tempeste hanno reso il mese il dicembre più umido in alcune aree. Centinaia di persone sosno state evacuate a York, dove la furia delle acque ha portato via con sé le auto. Sono state necessarie operazioni di soccorso per salvare alcuni residenti dalle proprie case allagate e per portare cibo e forniture mediche ad altri. 
Le case dello Yorkshire sono rimaste senzza energia elettrica e il crollo di linee telefoniche ha interrotto i servizi telefonici. La BBC News ha detto che 100 persone hanno passato la notte di martedì in baracche di solito usate per ospitare il personale di guardia alla regina durante le visite in Scozia. 
Ben G. Kopec, un ricercatore dell'Università di Dartmouth che di recente è stato autore di uno studio su come la perdita del ghiaccio artico contribuisce alle precipitazioni, mercoledì ha riconosciuto che è impossibile sapere nello specifico cosa stia causando i cambiamenti meteorologici radicali. 
Eppure le temperature piacevolmente calde dell'Artico sono eccezionalmente rare a dicembre, quando il ghiaccio marino di solito si espande in un clima insopportabilmente freddo, di modo che possa durare fino ai mesi più caldi. “Queste temperature stanno impedendo al ghiaccio marino di aumentare e stabilizzarsi per i mesi estivi”, quando è necessario come controbilanciamento alla radiazione solare e per compensare il riscaldamento, ha detto Kopec. 
Se gli ultimi eventi possano o meno essere collegati al cambiamento climatico rimarrà un punto di domanda finché non potrà essere condotta una ricerca, ha detto Jeff Masters, il meteorologo fondatore del sito meteo Weather Underground.
“Abbiamo problemi a fare quel collegamento in tempo reale, perché abbiamo problemi a estrapolare la variabilità naturale dalle forzanti antropogeniche”ha detto Masters mercoledì. “E' davvero difficile dire scientificamente che è questo che sta succedendo”. 
Eppure, dopo decenni di studi ed analisi degli estremi meteorologici, Masters pensa che il passaggio sia ovvio. “Non è questo il clima in cui sono cresciuto”, ha detto. “Non vedevamo questo tipo di meteo nel XX secolo. Si tratta semplicemente di una continuazione del meteo pazzo che abbiamo visto finora nel XXI secolo”. 
Al momento, gli schemi sono aggravati da El Niño, un ciclo naturale di acqua molto calda lugo il Pacifico equatoriale. Questi tipicamente innesca forti piogge in alcune aree e caldo fuori stagione in altre. In qualche misura, El Niñodi quest'anno è già il più forte mai registrato.  
Nicola Maxey, un addetto stampa del servizio meteorologico nazionale del Regno Unito, il Met Office, ha anche osservato che è “ancora troppo presto per dire con certezza” se il cambiamento climatico globale abbia prodotto le precipitazioni record di dicembre.
Tuttavia, ha aggiunto via email, “tutte le prove, dalla fisica di base alla nostra comprensione  dei sistemi meteorologici, suggeriscono che potrebbe esserci un collegamento”.
Chelsea Harvey ha contribuito a questo articolo.

4 commenti:

  1. non possiamo nemmeno aspettarci un'inversione del gw antropico perchè dove ti giri ti propongono sesso, droga , viaggi e rock and roll. Vedo un continuo portare dosi e un carabiniere mi ha detto sconsolato che quasi tutti le vogliono. Quindi il GW non lo decidono i politici o le forze dell'ordine, ma la massa decerebrata. Quando dico ironicamente che ci vorrebe la bomba atomica, indico solo una triste realtà.

    RispondiElimina
  2. Le forti piogge, estreme, portano via lo strato superficiale fertile del suolo, nel mare.
    Questo è aggravato dal fatto che l'agricoltura, toglie le erbe e le piante che potrebbero trattenere questo terreno.
    Si tenga presente che per formare un centimetro di strato fertile servono 2 secoli.

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
  3. segnalo un evento di meltwater pulse dalla groenlandia occidentale durato qualche giorno a metà gennaio. content://com.sec.android.app.sbrowser/savepage/0123172724.mhtml Le foto da satellite hanno un lato di circa 300 km e la superficie dell'acqua di deflusso ricopre un'area combinata nelle 2 baie di circa 200 x60 km a spanne. 12000 kmq. La profondità delle baie è di circa 400m il che dà un limite superiore all'acqua rilasciata di circa 4800 Gton. Ma spero che sia molto molto meno immaginando che il deflusso sia stato principalmente superficiale. Sufficiente comunque a spostare l'intera banchisa artica.
    dal sito http://polarportal.dk/en/groenlands-indlandsis/nbsp/isens-overflade/ si evince che dal primo settembre l'intera calotta nell'area invece di crescere ha perso quota (anche di 6 metri e più)

    RispondiElimina
  4. scusate il link corretto è http://blogs.agu.org/fromaglaciersperspective/2016/01/17/what-is-up-in-disko-ummanaq-bay-greenland-this-week/
    A parte il fatto in sè sono preoccupanti 2 cose:
    1-la capacità ricettiva di acqua di fusione della conca contenente la calotta glaciale è satura e questo non promette bene per il 2016 che previsto essere ancora più caldo del 2015 con il massimo dell' evento el Nino.
    2- è da valutare la robustezza dei Monti che delimitano la conca contenente la calotta in quanto le immense cascate che si vedono nelle foto ne potrebbero erodere velocemente i fianchi. se si tratta di Monti formati da morene glaciali e quindi sabbia tenute insieme da ghiaccio potremmo assistere a un altro fenomeno di retroazione positiva con una rapida accelerazione di questi rilasci di acqua di fusione e di iceberg.

    RispondiElimina