Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 15 dicembre 2015

Le grandi promesse dell'accordo climatico di Parigi minate da squallide limitazioni

Da “The Guardian”. Traduzione di MR

Di George Monbiot

Finché i governi non si impegnano a tenere i combustibili fossili nel sotto terra continueranno a minare l'accordo che hanno appena sottoscritto


La conferenza sul cambiamento climatico COP21 dell'ONU a Parigi. Qualsiasi cosa accada adesso, non saremo visti di con benevolenza dalle generazioni successive. Foto: Christophe Petit Tesson/EPA 

In confronto a come poteva essere, è un miracolo. In confronto a cosa doveva essere, è un disastro.



Dentro la stretta cornice entro la quale si sono svolti i colloqui, la bozza di accordo dei colloqui sul clima di Parigi è un grande successo. Il sollievo e l'autocompiacimento con cui è stato salutato il testo finale, riconosce il fallimento di Copenhagen di sei anni fa, dove i negoziati sono andati avanti terribilmente oltre il tempo prestabilito prima di collassare. L'accordo di Parigi attende ancora un'adozione formale, ma la sua aspirazione al limite di 1,5°C di riscaldamento globale, dopo il rifiuto di questa richiesta per così tanti anni, può essere visto all'interno della sua cornice come una clamorosa vittoria. Rispetto a questo ed altri, il testo finale è più forte di quanto la maggior parte delle persone ha previsto.

Fuori dalla cornice si presenta come qualcos'altro. Dubito che i negoziatori credano che non ci saranno più di 1,5°C di riscaldamento globale grazie a questi colloqui. Coma riconosce anche il preambolo dell'accordo, anche quello dei 2°C, in vista delle deboli promesse che i governi hanno portato a Parigi, è fortemente ambizioso. Anche se negoziati da alcune nazioni in buona fede, è probabile che i risultati reali ci condannino a livelli di crollo climatico che saranno pericolosi per tutti e letali per alcuni. I nostri governi parlano di non gravare le future generazioni col debito. Ma si sono appena accordati per gravare i nostri successori con una eredità molto più pericolosa: il biossido di carbonio prodotto dalla combustione ripetuta di combustibili fossili e gli impatti a lungo termine che questo eserciterà sul clima globale. Con 2°C di riscaldamento, grandi parti della superficie del mondo diventeranno meno abitabili. E' probabile che le persone di queste regioni affrontino estremi più violenti: siccità peggiori in alcuni luoghi, alluvioni peggiori in altri, tempeste più grandi e, potenzialmente, impatti gravi sulle forniture alimentari. Le isole e i distretti costieri in molte parti del mondo sono a rischio di scomparire sotto le onde.


Il Sole può raffreddare la Terra?

Una combinazione di mari che si acidificano, morte dei coralli e fusione dell'Artico significa che l'intera catena alimentare marina potrebbe collassare. Sulla terraferma, le foreste pluviali potrebbero ritirarsi, i fiumi seccarsi e i deserti allargarsi. L'estinzione di massa è probabile che sia la caratteristica della nostra era. E' così che si manifesterà il successo come è stato definito dai delegati plaudenti. E il fallimento, anche se nei loro termini? Be', anche questo è plausibile. Mentre le prime bozze specificavano date e percentuali, il testo finale mira solo a “raggiungere il picco globale delle emissioni di gas serra il prima possibile”. Il che può significare tutto e niente. Onestamente, il fallimento non appartiene ai colloqui di Parigi, ma a tutto il processo. Un massimo di 1,5°C, ora un'aspirazione ed un obbiettivo improbabile, era eminentemente raggiungibile quando la conferenza sul cambiamento climatico dell'ONU si è svolta a Berlino nel 1995. Due decenni di procrastinazione, causati dalla lobby dei combustibili fossili – palesemente, segretamente e spesso addirittura in modo sinistro –  accoppiata con la riluttanza dei governi nello spiegare ai loro elettorati che il pensiero a breve termine ha costi a lungo termine, fanno s^ che la finestra di opportunità ora è chiusa per tre quarti. I colloqui di Parigi sono i migliori che ci siano mai stati. E questo è un atto d'accusa terribile.


Persone vestite come orsi polari che dimostrano vicino alla Torre Eiffel a Parigi, durante la COP21. Foto: Matt Dunham/AP 

Per quanto il risultato sia progressivo in confronto a tutto quello che è successo prima, ci lascia un accordo quasi comicamente sbilenco. Mentre i negoziati su quasi tutti gli altri pericoli globali cercano di affrontare entrambi i lati del problema, il processo climatico dell'ONU si è concentrato interamente sul consumo di combustibili fossili, ignorando la loro produzione. A Parigi i delegati hanno solennemente convenuto di tagliare la domanda, ma a casa cercano di massimizzare l'offerta. Il governo britannico ha persino imposto un obbligo legale a sé stesso, nella Legge sulle Infrastrutture del 2015, per “massimizzare la ripresa economica" del petrolio e del gas britannici. L'estrazione di combustibili fossili è una dura realtà. Ma l'accordo di Parigi è pieno di realtà morbide: promesse che possono scivolare via o svanire. Finché i governi non si impegnano a tenere i combustibili fossili nel sotto terra continueranno a minare l'accordo che hanno appena sottoscritto. Con Barack Obama alla Casa Bianca ed un governo dirigista che sovrintende i negoziati di Parigi, questo probabilmente è il meglio che possa andare. Nessuno probabile successore del presidente degli Stati Uniti mostrerà lo stesso impegno. In paesi come il Regno Unito, le grandi promesse fatte all'estero sono minate da squallide limitazioni interne. Qualsiasi cosa accada adesso, non saremo visti di con benevolenza dalle generazioni successive. Quindi sì, lasciamo che i delegati si congratulino fra loro su un accordo migliore delle attese. E lasciamoglielo mitigare con delle scuse a tutti coloro che il trattato tradirà.

6 commenti:

  1. ipocrisia = meccanismo di difesa incoscio per scarsa conoscenza del lato oscuro del proprio subconscio. Fintanto che ogni essere umano non prenderà coscienza del proprio lato oscuro, questa sarà una umanità di ipocriti. E non è detto che se anche uno cerchi di scoprire questo lato oscuro ci riesca. Mi ricordo che meno che trentenne mi misi a pensare alla morte; il gelo terribile che mi entrò alla schiena al livello dei reni (erano i primi di agosto e fuggii terrorizzato al sole del pomeriggio) mi spaventò a tal punto che non ho avuto più il coraggio di pensarci. E penso che nel subconscio ci sia di più e di peggio che la coscienza della propria morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece, Mago, piace esplorare la mia mente.
      E della morte non ho paura.
      Cosa c'è di sporco nella mente ?
      Nella mia mente ho trovato tante convinzioni ed apprendimenti da buttare via, inculcatemi fin da quando ero piccolo : religione, politica, tecnologia, consumismo, storia, letteratura, arte, matematica, capitalismo, consumismo, antropocentrismo, proprietà privata.
      Da buttare al cento per cento.
      Mi piaccio e mi voglio bene.
      Voglio bene a tutti, anche se non tutti mi piacciono, anzi pochi, per la verità.

      Tiziano Gianni

      Elimina
  2. Sabbie bituminose, Ue pronta a importazioni massive

    Tre quarti delle raffinerie europee si sono attrezzate per processare petrolio da sabbie bituminose. Questo significa che l’import farà un balzo in avanti



    (Rinnovabili.it) – Ora che sulla COP 21 è calato il sipario e il bagno di folla dei leader globali è nell’album dei ricordi, l’Unione europea può tornare agli affari più pressanti. E cioè al commercio di petrolio da sabbie bituminose, il combustibile più sporco del pianeta. Una recente ricerca di MathPro, una società di consulenza specializzata nel settore della raffinazione, indica che 71 delle 95 raffinerie in Unione europea, Norvegia e Svizzera sono ora in grado di gestire il petrolio greggio pesante o pretrattato da sabbie bituminose. Questo significa una cosa sola: ci stiamo preparando a importare. L’Italia non è estranea a tutto questo: secondo la mappa prodotta dalle ONG Transport & Environment e Friends of the Earth, nel nostro Paese sarebbero ben 7 le raffinerie che hanno aggiornato i loro impianti: quattro in Sicilia e uno in Piemonte, Lombardia e Sardegna. (tanto per cambiare.....!!!!!!!)

    RispondiElimina
  3. L'accordo, dopo un’ampia introduzione, è stato suddiviso in 29 articoli ai quali gli Stati devono attenersi: ma si tratta di indicazioni che non comportano sanzioni per chi non le rispetta.

    RispondiElimina
  4. Le sanzioni esistono, ma nessuno ne vuole parlare.
    Sono guerre, privazioni, carestie, malattie, sciagure d'ogni genere che sono pronte per accadere se non faremo
    ciò che sappiamo benissimo essere il dovuto per evitarle.
    Siamo intossicati d'ipocrisia, ancor più che dal CO2 dal CH4 dai PCB dal Pb dal Cd e dagli NOx e dalle particelle di polimeri
    isotattici dispersi in mare.
    Eppure il potere delle cosidette "masse" è enorme, ma è utilizzato dalle cosidette "élites" visto che le "masse" (cioè tutti noi) sono in fondo contenti che le "élites" lo utilizzino.
    Ho usato le virgolette per intendere che i due termini masse ed élites sono da adoperarsi con cautela, visto l'uso che se ne é fatto a sproposito da lungo tempo.
    "Siamo tutti meridionali di qualcuno", e viceversa aggiungo io,
    quindi anche settentrionali oltre che orientali ed occidentali.
    (tratto da: Così parlò Bellavista , il film di luciano De Crescenzo, l'informatico e filosofo).
    Vogliamo salvare la ghirba con garbo?
    Tutti insieme massificati ed elitari, appassionatamente?
    Ebbene é ancora possibile farlo, con rinunce e autentici sacrifici,
    non officiando riti che non sono nemmeno pagani ma solo mercantili
    e di desolante squallore.
    Se Giovanni Verga resuscitasse forse scriverebbe "Gli Svogliati"
    per raccontare l'apoteosi di una genìa dedita all'accumulo letale della cosidetta "roba".
    E siccome "roba" esiste anche nell'accezione di "droga" forse bisognerebbe puntualizzarne il senso.
    O forse neanche perchè ormai "roba" e "droga" sono indistinguibili nel grandioso mercato globale.
    Purchè si venda e si compri, tutto fa grana, e ometto le virgolette perchè il senso di questa parola dovrebbe essere univoco in questo contesto.
    Ipocrisia significa finzione, scarsità di giudizio.
    E ipocrita é chi finge che ridurre tutto a produrre grana, non produca anche delle grane, a volte maggiori della grana stessa.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  5. https://www.washingtonpost.com/opinions/2015/12/04/fe22879e-990b-11e5-8917-653b65c809eb_story.html
    I leaders che si sono incontrati a Parigi hanno posto poca attenzione ai legami critici tra il cambiamento climatico e l'agricoltura.
    Ma qui si tratta soprattutto di incentivare pratiche agricole in grado di sottrarre ingenti quantita' di Co2 dall'atmosfera.
    Arma segreta o ennesima bufala?

    RispondiElimina