Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 27 novembre 2015

Pericolo di esplosioni di metano nella Penisola di Yamal

Da “The Siberian Times”. Traduzione di MR (via Maurizio Tron)

Di Anna Liesowska

Ci si aspetta che si formino altri crateri a causa di tali eruzioni, man mano che il permafrost fonde – e SONO causate dal riscaldamento globale che rilascia gas metano.


Gli scienziati del rispettato Istituto di Geologia e Geofisica Petrolifera Trofimuk insistono che il processo per cui si sono formati una serie di crateri è stato causato dalla fusione di idrati di gas e dalle emissioni di metano. Immagine: Vladimir Olenchenko/Trofimuk Institute of Petroleum Geology and Geophysics

Una nuova spedizione ad uno dei misteriosi buchi giganti siberiani scoperti negli ultimi anni ha concluso che è un segno di avvertimento di una minaccia mortale per le regioni settentrionali man mano che il clima si scalda. Gli scienziati del rispettato Istituto di Geologia e Geofisica Petrolifera Trofimuk insistono che il processo per cui si sono formati una serie di crateri è stato causato dalla fusione di idrati di gas e dalle emissioni di metano. Questo si accumula in un pingo – un tumulo di ghiaccio coperto di terra – che poi erutta causando la formazione di strani buchi che sono apparsi lungo i margini dell'Artico russo. Un pingo che si crede possa esplodere 'da un momento all'altro' ora viene costantemente monitorato da un satellite spaziale russo nel tentativo di cogliere il momento in cui avviene l'eruzione. Si crede che il processo sia simile al fenomeno del Triangolo delle Bermuda che ha visto la scomparsa di navi ed aerei. Questo è stato causato da una grande eruzione di metano al di sotto dell'Oceano Atlantico. Gli scienziati avvertono anche di una terribile minaccia alle città ed ai paesi nell'estremo nord, ed agli impianti di esplorazione del gas e relativi gasdotti.








Il buco di Yamal è un oggetto unico per la scienza. Non abbiamo avuto nessuna occasione di studiare un fenomeno del genere prima. Immagine: Vladimir Olenchenko/Trofimuk Institute of Petroleum Geology and Geophysics

Il dottor Igor Yeltsov, vice direttore dell'Istituto Trofimuk, ha detto a Novosibirsk, dopo una visita al più famoso dei crateri recentemente formatisi: “Negli ultimi decenni, le temperature sono salite ed hanno causato il rilascio di idrati di gas. Ciò somiglia ad una reazione nucleare. Lo scorso anno ho paragonato questo al triangolo delle Bermuda perché, secondo la nostra teoria, la causa la causa di questo è una massiccia fuga di metano. Il volume di metano durante la transizione da stato solido a gassoso aumenta di circa 150 volte. Il buco di Yamal è un oggetto unico per la scienza. Non abbiamo avuto nessuna occasione di studiare un fenomeno del genere prima. L'importanza dello studio aumenta se teniamo conto che a sei km dal cratere c'è il gasdotto principale e a 36 km di distanza c'è il deposito di gas di Bovanenkovo”. Tali eruzioni “possono facilmente ripetersi”, ha avvertito. “Dobbiamo seguire da vicino i processi del permafrost e degli idrati di gas a Yamal”, ha detto. Sottostimiamo il pericolo che ci viene dal metano”. I rischi alle miniere di carbone da parte del metano sono già ben considerati, ma questo porta pericoli ben più ampi.





Una nuova spedizione ad uno dei misteriosi buchi giganti siberiani scoperti negli ultimi anni ha concluso che è un segno di avvertimento di una minaccia mortale per le regioni settentrionali man mano che il clima si scalda. Immagine:Vladimir Olenchenko/Trofimuk Institute of Petroleum Geology and Geophysics

“Al momento, la maggior parte degli idrati di gas sono nascosti in sicurezza, ma ci sono territori, come Yamal, dove cominciano a decomporsi e dobbiamo monitorare da vicino queste aree. Penso che ora sia prematuro parlare di qualche catastrofe globale, come se fosse una teoria della 'minaccia del metano', ma se il riscaldamento continua allo stesso ritmo, le nostre città situate vicino a Yamal – come Salekhard, Nadym e Novy Urengoy – sono davvero in pericolo”. Yeltsov ha spiegato: “proponiamo di sviluppare un grande progetto mirato al monitoraggio della situazione a Yamal. Tenendo conto dell'esplorazione attiva per il gas naturale e dei progetti ambiziosi come il porto di Sabetta, dobbiamo capire molto bene i processi naturali in modo da fornire infrastrutture sicure”.


Il dottor Vladimir Olenchenko, ricercatore di lungo corso dell'istituto: “Abbiamo individuato un altro grande pingo non lontano dal cratere. Immagine: Vera Salnitskaya

Se l'esplorazione deve continuare su larga scala – come è stato pianificato in quelle regioni – allora “dobbiamo fornire un monitoraggio scientifico appropriato”. La nuova spedizione al cratere – conosciuto come B-1 – è servita a permettere un modello tridimensionale della sua struttura e per monitorare il modo in cui si è rapidamente trasformato in un lago. Il dottor Vladimir Olenchenko, ricercatore di lungo corso all'istituto ha detto: “Ora è accertato che in questo sito inizialmente c'era un pingo, secondo le foto spaziali (storiche), era più grande degli altri e aveva una forma rotondeggiante più regolare”. Gli scienziati credono che il metano emerga attraverso delle fenditure dalle profondità della terra o che venga direttamente prodotto dalla decomposizione degli idrati di gas”.


La nuova spedizione al cratere – conosciuto come B-1 – è servita a permettere un modello tridimensionale della sua struttura e per monitorare il modo in cui si è rapidamente trasformato in un lago. Immagine: Vladimir Olenchenko/Trofimuk Institute of Petroleum Geology and Geophysics

“Secondo i nostri dati, c'è uno strato di idrati a 60 metri di profondità. Suggeriamo che a causa del riscaldamento globale, alcune parti degli idrati si decompongono, si accumulano nel pingo e poi portano all'eruzione”. I ricercatori stanno esaminando il lago nei dettagli – è profondo circa 25 metri – visto che la sua forma potrebbe condurli ad altri pingo che hanno eruttato e probabilmente allertare rispetto a pericoli futuri. “Ora nell'area intorno al cratere c'è una fusione attiva degli strati di ghiaccio di terra, che forma frane da scongelamento” - frane o avvallamenti artici. E' un'ulteriore “prova del riscaldamento globale”. “Abbiamo individuato un altro grande pingo non lontano dal cratere”, ha detto. “Non diremo il luogo esatto del pingo, perché i giornalisti o gli scienziati potrebbero tentare di andarci, ed è molto pericoloso”.




“Ora nell'area intorno al cratere c'è una fusione attiva degli strati di ghiaccio di terra, che forma frane da scongelamento”: Immagine: Vladimir Olenchenko/Trofimuk Institute of Petroleum Geology and Geophysics

“Questo pingo può potenzialmente esplodere da un momento all'altro. Secondo le stime preliminari, questo pingo  è più grande di quello che ha preceduto il famoso cratere. Monitoreremo questo pingo dallo spazio. Ora stiamo cercando di fare un elenco di caratteristiche per determinare facilmente se il pingo è potenzialmente pericoloso”. Yamal è considerata ad alto rischio, mentre altre regioni di permafrost, per esempio Yakutia (Repubblica di Sakha), avrebbe bisogno di un riscaldamento di 6-7°C per diventare vulnerabile. Il dottor Yeltsov ha detto: “Non tutto le aree di permafrost sono in pericolo ed hanno pingo associati al metano che possono esplodere. Ci sono aree in cui il permafrost è piuttosto stabile”. L'istituto ha proposto di creare un centro di ricerca a Yamal sotto la Sezione Siberiana dell'Accademia Russa delle Scienze. Si attende una decisione.


Il dottor Igor Yeltsov, vice direttore dell'Istituto Trofimuk: “proponiamo di sviluppare un grande progetto mirato al monitoraggio della situazione a Yamal”. Immagine: Vera Salnitskya

Yamal – nel distretto autonomo di Yamal-Nenets della Siberia nordoccidentale – ha riserve di gas naturale di circa 55 trilioni di metri cubi. “Cerchiamo costantemente di comunicare con diverse strutture – governo, Gazprom, istituti di ricerca – per sviluppare progetti insieme”. C'è un lavoro in svolgimento col colosso petrolifero Total sugli idrati di gas a Yamal. “Abbiamo diversi progetti congiunti con loro”. Yeltsov ha avvertito: “I depositi di metano, secondo le varie stime, ammontano a circa 200 trilioni di metri cubi. Gli idrati di gas nascondono milioni di volte più metano”.







Come è cambiato il cratere dal luglio 2015 a settembre 2015. Immagini: servizio stampa della regione autonoma di Yamalo-Nenets, Vasily Bogoyavlensky, Vladimir Pushkarev

“Ora siamo di fronte a cambiamenti seri della temperatura in tutta la terra. Parte di questo grande processo di scala, solo la punta dell'iceberg, che chiamiamo riscaldamento globale. Ciò porta al fatto che gli idrati di gas perdono la loro condizione solida. Uno degli esempi di questo processo è il cratere di Yamal. Ci sono due teorie principali per la loro apparizione, ma entrambe sono basate sul metano come causa principale della formazione del cratere”. Il cratere B-1 – profondo in totale 60 metri – è stato avvistato per la prima volta l'anno scorso. Ha scatenato un grande interesse in tutto il mondo e una grande speculazione su cosa abbia causato il fenomeno, passando dai meteoriti ai missili vaganti, agli UFO dallo spazio. Un altro cratere conosciuto come B-2, a circa 20 km da B-1, è circondato da 30 crateri “baby” o “satellite”.

5 commenti:

  1. Pingo!

    La prima lotteria al mondo dove se vinci paghi per tutti quelli cha hanno perso.

    (non ci sarà da annoiarsi, c'è da scommettere.)

    Marco Sclarandis


    RispondiElimina
  2. si stanno forse cominciando ad aprire le voragini per portare i mld di diavoli-cavallette all'inferno?

    RispondiElimina
  3. La Terra è stata saggia, mettendo CO2 Anidride Carbonica sottoterra, per permettere di avere una composizione atmosferica adatta alla vita.
    Siamo arrivati noi esseri umani, siamo sul pianeta da soli 2 milioni e mezzo di anni, altri esseri, come i pescecani, ci sono da 450 milioni di anni.
    Eravamo 7 milioni e 300 mila diecimila anni fa, ora siamo 7 miliardi e 300 milioni : mille volte tanto.
    E che facciamo ? Diecimila anni fa, alcuni di noi, i più pochi, hanno pensato che la terra era un tesoretto da sfruttare, tutto per noi !
    Disfiamo il lavorio della Terra durato decine di milioni di anni : bruciamo alberi, estraiamo petrolio, carbone, gas.
    Ma non va bene : il vero tesoretto è altro.
    E' la condivisione della vita, nel rispetto, non nell'abuso.
    .----
    Il riscaldamento globale, che causa i crateri di Yamal, è di origine antropogenica.

    Gianni Tiziano

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo:
    Come mai un Padreterno infinitamente misericordioso dovrebbe compiacersi di scaraventare nell'inferno miliardi di peccatori, per quanto incalliti?
    Allora non è così onnipotente da riuscire a redimerli....................
    O noi siamo così potenti da sovvertire anche la sua misericordia?

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, tutto è dio.
      Anche noi, anche i vermi, anche l'acqua, e l'aria, e le stelle e le piante.
      Ecco allora che siamo noi, che abbiamo la responsabilità di far andare bene le cose.
      Le piante, gli animali, le rocce, l'aria e l'acqua assolvono bene al loro compito.
      E noi ?

      Gianni Tiziano

      Elimina