Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 2 agosto 2015

L'eruzione di metano si avvicina

DaCounter Punch”. Traduzione di MR (via Sam Carana)

Di Robert Hunziker

L'IPCC, così come i governi mondiali, ignora i rischi di un Artico senza ghiaccio (Wadhams). Piuttosto, un Artico senza ghiaccio è viene ampiamente salutato dalla maggior parte del mondo come un modo positivo di procedere nella riapertura delle rotte commerciali del nord, nuove corse per i traghetti e accesso ad enorme bacino di combustibili fossili. Secondo il professor Peter Wadhams dell'Università di Cambridge, un Artico senza ghiaccio, con la relativa e concomitante eruzione potenziale di metano, viene raramente menzionato dall'IPCC nella sua valutazione. Evidentemente l'IPCC non vuole parlare della possibilità di grandi catastrofi. In realtà, un Artico senza ghiaccio libera tempestosamente eoni di metano intrappolato dall'ultima Era Glaciale. Le ramificazioni sono profonde. Quando il Vaticano recentemente ha tenuto incontri coi principali scienziati sul cambiamento climatico in preparazione dell'enciclica del Papa del giugno 2015, uni degli ospiti invitati era il professor Peter Wadhams. Assumendo che all'Accademia Pontificia delle Scienze abbiano ascoltato con attenzione le sue parole, potrebbero soffrire di attacchi di insonnia.

Lo stato del ghiaccio del Mare Artico e perché conta

Peter Wadhams, professore di Fisica dell'Oceano e Capo del Gruppo di Fisica dell'Oceano Polare, Dipartimento di Matematica Applicata de Fisica Teorica dell'Università di Cambridge, di recente si è recentemente impegnato in una intervista molto franca: “Il nostro tempo sta finendo – Il ghiaccio marino dell'Artico se ne sta andando”, del 15 maggio 2015 (tutte le citazioni seguenti provengono da quell'intervista). “Ho misurato lo spessore del ghiaccio che è sceso del 50% negli ultimi 30 anni. In estate, per esempio, di solito si vedeva il ghiaccio del pack molto pesante da rendere molto difficile il passaggio di una nave. Oggi, somiglia più ad un pianeta blu. E' un Artico quasi senza ghiaccio. E' un grande cambiamento”. Di conseguenza, col passare del tempo, il rischio di una grande eruzione di metano aumenta insieme alla disintegrazione del ghiaccio marino in corso. “Siamo davvero preoccupati riguardo all'Artico costiero... le piattaforme continentali della Siberia sono su acque molto basse. E fino a poco tempo fa c'era sempre ghiaccio su quelle piattaforme, persino in estate... ora, in si ritira estate e scompare già per 2-3 mesi da quelle piattaforme. Ciò favorisce il riscaldamento dell'acqua. E, quando l'acqua si riscalda, causa la fusione del permafrost subacqueo, che non si era fuso dall'ultima Era Glaciale, e questo favorisce il rilascio di metano”

Secondo il professor Wadhams, il Mare Siberiano Orientale è un mostro in agguato. Wadhams crede che l'effetto di un'eruzione di metano potrebbe essere catastrofica quanto una collisione di un asteroide con la Terra. La quantità di riscaldamento sarebbe immediata e ampia. La probabilità che questo accada: “Direi che è circa del 50%, perché stiamo assistendo alla fusione del permafrost e al fatto che il metano viene già rilasciato”. Di fatto, gli scienziati sul campo stanno già assistendo ad aumenti consistenti dei grandi pennacchi di metano in estate mentre scoprono nuove aree di rilascio di metano. Solo fino a poco tempo fa, il Mare Siberiano Orientale veniva monitorato ogni anno da una nave russa. Mentre oggi, e durante gli ultimi due anni, le navi svedesi stanno andando altrove nell'Artico e “stanno vedendo tanto metano uscire quanto quello della Siberia orientale”. “Per cui non è una probabilità bassa l'alto rischio di catastrofe. Si tratta di un rischio altamente catastrofico ed altamente probabile”. Wadhams crede che la scomparsa completa del ghiaccio a metà estate potrebbe verificarsi nei prossimi due anni. Al momento, il volume di ghiaccio a metà estate è solo un quarto di quello degli anni 80. Se questa tendenza continua, il ghiaccio estivo si ridurrà a zero molto presto.
Impatto di un Artico senza ghiaccio.

I cambiamenti nell'Artico stanno alimentando cambiamenti altrove sul pianeta. “Per esempio, la scomparsa del ghiaccio nell'Artico sta portando masse di aria più calda a spostarsi sulla Groenlandia in estate. Ciò causa la fusione più rapida della calotta glaciale della Groenlandia. E questo sta causando all'accelerazione dell'aumento del livello del mare”. Risultato, anziché un metro di aumento del livello del mare in questo secolo, come previsto dall'IPCC, la fusione della Groenlandia potrebbe causare un aumento di un paio di metri, o più. Di fatto, alcuni glaciologi parlano di 4 o 5 metri. L'impatto cataclismico finale di troppo aumento del livello del mare sarebbe che alcune aree del mondo, come Miami, dovrebbero essere completamente abbandonate, svuotate ed evacuate come a Cernobyl, molto come a Cernobyl, a causa di politiche energetiche folli. Non solo questo, il riscaldamento globale accelera come risultato in conseguenza della perdita di ghiaccio marino artico, che riduce l'albedo globale, che è il modo in cui la radiazione viene riflessa verso lo spazio esterno, ma con la perdita di uno sfondo di ghiaccio bianco riflettente, l a radiazione solare viene assorbita da uno sfondo scuro, e tutto ciò porta ad un tasso di riscaldamento del mondo molto più rapido di quanto previsto dalla scienza ufficiale, l'IPCC. “Quindi questo tentativo di fingere di poter mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C, che era già una finzione, è persino più ridicolo. Saranno sicuramente 4 o 5°C per la fine del secolo, il che avrà impatti piuttosto catastrofici sulla produzione agricola”.

Cosa fare?

In quanto a fermare il rilascio di metano in mare “riportando indietro il ghiaccio marino artico, alcune persone lo stanno proponendo. Il problema è che non si può realmente riportare il ghiaccio senza raffreddare il pianeta. Le temperature globali governano il ghiaccio marino, non può essere isolato o mirato. Trovare un modo di riportare indietro il ghiaccio marino artico non funzionerà, a meno che non si possa raffreddare l'intero pianeta”. La sola possibilità realistica, ironicamente, è la modifica del metodo del fracking usato nella trivellazione di petrolio e gas utilizzando piattaforme in mare l'ungo la costa Artica, una rete di trivellazioni orizzontali per la creazione di cavità per risucchiare il metano per impedirgli di uscire nell'atmosfera (Wadhams). Ma non è stata fatta nessuna ricerca su questo. E' stato soltanto suggerito. A prescindere da come, cosa o quando, la risoluzione del problema è un'impresa enorme e travolgente: “C'è una cospirazione della compiacenza nel mondo in cui si immagina ancora che se facciamo poche cose minori, piccoli aggiustamenti e riduciamo l'emissione di biossido di carbonio, allora tutto andrà bene. Ma non sarà così perché abbiamo già troppo biossido di carbonio in atmosfera. Stiamo già andando oltre i 2°C di riscaldamento anche se non emettessimo più, a causa del biossido di carbonio già presente in atmosfera. Quindi non solo dobbiamo smettere di emetterlo o di ridurlo, riducendo le emissioni, ma trovare modi di toglierlo dall'atmosfera e questa è una tecnologia che non è stata sviluppata”. Il cambiamento climatico ha un effetto progressivo, che lavora lentamente in tutto il mondo. Ma tutta questa lentezza di sta accumulando in un grande cambiamento. Inoltre, quando i modelli meteorologici distruggono l'agricoltura, causando la fame nel mondo, sarà troppo tardi per fare qualsiasi cosa. Sfortunatamente, è l'inerzia globale il problema. “Le forze di inerzia sono così enormi.. l'uso dei combustibili fossili è molto radicato nella nostra società. Tutto nella vita proviene dai combustibili fossili”.

Tempistica del caso peggiore

Il solo modo di salvare la civiltà per com'è attualmente è di abbassare i livelli di CO2 e ciò può essere ottenuto soltanto da qualche metodo drastico per rimuovere realmente CO2 dall'atmosfera. “Non possiamo farcela scherzando con la riduzione delle nostre emissioni, non possiamo nemmeno farlo fermando le nostre emissioni, perché ci siamo spinti troppo oltre. Dobbiamo realmente toglierlo”. Il professor Wadhams afferma che la ricerca sul cambiamento climatico, in modo centrale, diventa l'obbiettivo principale di uno sforzo scientifico mondiale e dev'essere fatto urgentemente, come il Progetto Manhattan (ironicamente). La società sarà costretta ad usare qualche tecnologia, che non è stata nemmeno ancora verificata, per rimuovere il CO2 per evitare una catastrofe. Di conseguenza, non c'è tempo di giocherellare. Wadhams crede nel peggiore scenario, “in 10 anni saremo realmente già nella minestra”.

Attuali condizioni meteorologiche artiche

Secondo Arctic News, il 2 luglio, “Mentre i media danno grande importanza alle ondate di calore che hanno colpito di recente paesi popolosi come India, Pakistan, Stati Uniti, Spagna e Francia, viene data meno attenzione alle ondate di calore che colpiscono l'Artico”. Inoltre, “Le ondate di calore che hanno recentemente colpito Alaska e Russia ora sono seguite da un'ondata di calore nella Siberia Orientale... un luogo ben all'interno del Circolo Artico... il 2 luglio 2015 sono state registrate temperature di 37,1°C”. E, ancora peggio, “Con temperature di 37,1°C registrate il 2 luglio 2015, ci si può aspettare un'enorme fusione dove c'è ancora ghiaccio marino nelle acque al largo della Siberia, mentre le acque dove il ghiaccio marino non c'è già più si scalderanno rapidamente. Notate che le acque al largo della costa della Siberia sono profonde meno di 50 metri, quindi il riscaldamento si può estendere rapidamente fino al fondo del mare, che contiene enormi quantità di metano sotto forma di gas libero e di idrati”. Inoltre, il primo luglio 2015 è stata registrata una temperatura di 36°C vicino al fiume Kolyma che si getta nel Mare Siberiano Orientale.

L'Artico è più caldo di Miami!

In qualche modo, 36°C nell'Artico fa sembrare il mondo sottosopra/rovesciato, non è vero?

Robert Hunziker vive a Los Angeles e può essere contattato presso roberthunziker@icloud.com





9 commenti:

  1. "Wadhams crede che la scomparsa completa del ghiaccio a metà estate potrebbe verificarsi nei prossimi due anni. "

    Assurdo. Nell'ultimo anno c'è stato pure un recupero:
    Rivista scientifica: Nature
    http://www.nature.com/ngeo/journal/v8/n8/full/ngeo2489.html


    "Al momento, il volume di ghiaccio a metà estate è solo un quarto di quello degli anni 80."

    Assurdo anche questo, così come riporta l'articolo di Nature, adesso siamo a "solo" un -40% e non a un quarto (-75%).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandro,

      un quarto (-75%) si riferisce al volume.
      -40% si riferisce all'estensione.
      Non si deve confondere il volume con la estensione.
      Il volume è registrato in chilometri cubici, l'estensione in chilometri quadrati.

      Quanto viene detto nell'articolo NON è assurdo !

      Tiziano

      Elimina
    2. Assa perdere Ale

      Il tempo è gentiluomo

      Elimina
  2. Ultimo Rebus (per sempre) su Settimana Enigmistica:

    CCI…(DA) ….CC…..CC….SA (FA) ….CCC(FA) ……

    ???

    Cambiamenti Climatici Inverosimili ...Dovuti Alla ….Cospirazione della Compiacenza….Che Continuera Senz'Altro….. Fino Alla …..Completa Catastrofe Cataclismica ...Finale ed Assoluta.

    Sfortunatamente sembra nessuno sia riuscito a risolvere il rebus. Forse perche’ non aveva specificato "della" Compiacenza?

    RispondiElimina
  3. tornado a firenze, la vice sindaco riconosce che dobbiamo prepararci al GW. Come? Togliendo i pini e piantando alberi che non cadano coi tornadi. Forse la Sig.ra non ha visto il mead west americano, la patria dei tornado. Alberi non ce ne stanno. L'importante è continuare a convincere il popolino, che è tutto sotto controllo, che possono tranquillamente continuare col BAU consumistico, che basta far girare qualche mln di euro di appalti per sostituire gli alberi e il gioco è fatto. Penso che ,se ho solo la possibilità di campare anche solo altri 10 anni, mi toccherà vedere delle cose interessanti. Al peggio non c'è mai fine, mi diceva mio nonno. Io invece dico: al peggio causato dall'avidità, non c'è una fine, anzi sì c'è: l'inferno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il guaio è che probabilmente è in buona fede!
      Al cambiamento climatico ormai ci credono quasi tutti, ma pensano di potersela cavare con poco.

      Elimina
  4. La grande civilta' umana, ultra tecnologica, spazzata via da una flatulenza di Gaia .....mah

    RispondiElimina