Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


mercoledì 18 febbraio 2015

Pellet: energia verde o una nuova fonte di emissioni di CO2?

Da “Resilience”. Traduzione di MR. Originariamente pubblicato su Yale Environment 360

Di Roger Real Drouin

Bruciare pellet per produrre elettricità è in aumento in Europa, dove i pellet sono classificati come forma di energia rinnovabile. Ma negli Stati Uniti, dove gli impianti per fare il pellet vengono rapidamente costruiti, crescono le preoccupazioni circa il disboscamento e il carbonio rilasciato dalla combustione di biomassa legnosa. Nel 2011, la Enviva – la più grande esportatrice di pellet degli Stati Uniti – ha aperto il suo impianto di punta per la produzione di pellet ad Ahoskie, North Carolina. L'impianto trasforma ogni anno 850.000 tonnellate di alberi e legno di scarto in sottili pellet che vengono spediti in Europa e bruciati in centrali elettriche per ciò che viene propagandata come una forma di elettricità rinnovabile.


La Dogwood Alliance della Enviva ad Ahoskie, North Carolina, impianto di produzione del pellet che trasforma ogni anno 850.000 tonnellate di alberi e legno di scarto in pellet.


Due anni dopo, la Enviva ha aperto un altro impianto di triturazione a 50 km dalla Contea di Northampton, in North Carolina, e per il 2016 è previsto che la società gestisca otto impianti di triturazione per il pellet dalla Virginia al Mississippi. Altrove negli Stati Uniti sudorientali, altre società stanno progettando o rapidamente costruendo impianti per produrre pellet. Un impianto di triturazione previsto dalla Biomass Power Louisiana a Natchitoches, Los Angeles, produrrà 2 milioni di tonnellate di pellet all'anno. La Drax, una società di servizi britannica che sta adottando misure per trasformarsi prevalentemente in una produttrice di energia da biomasse, ha detto che aprirà quattro suoi grandi impianti di triturazione per produrre pellet in Mississippi, South Carolina e Louisiana.

La domanda di questa presunta forma di energia verde è così robusta che le esportazioni di pellet dagli Stati Uniti è quasi raddoppiata dal 2012 al 2013 e sono previste quasi raddoppiare di nuovo a 5,7 milioni di tonnellate nel 2015. L'impennata della produzione è alimentata dalla domanda in crescita nel Regno Unito e in Europa, che stanno usando pellet per sostituire il carbone per la generazione di elettricità e il riscaldamento. Il programma per il 2020 dell'Unione Europea classifica il pellet come una forma di energia rinnovabile a zero emissioni di carbonio e le società europee hanno investito miliardi per trasformare le centrali a carbone in impianti che possono bruciare pellet.

Ma mentre la produzione di pellet esplode nel sudest degli Stati Uniti, gli scienziati e i gruppi ambientalisti stanno sollevando domande significative su quanto sia realmente verde bruciare pellet. L'industria del pellet dice di usare in prevalenza rami di alberi e altri scarti di legno per produrre pellet, rendendoli una forma di energia ad emissioni zero. Ma molti ambientalisti e scienziati credono che le attuali pratiche dell'industria siano tutt'altro che ad emissioni zero e che minaccino alcuni degli ultimi ecosistemi rimasti nel sudest degli Stati Uniti, compreso il bacino del fiume Roanoke che circonda l'impianto di Ahoskie e gli ecosistemi del pino palustre vicini all'impianto di triturazione della Enviva a Cottondale, in Florida. I critici contestano che la Enviva ed altri produttori di pallet spesso tagliano gli alberi interi – compresi i legni massicci provenienti dalle aree golenali – che possono impiegare un tempo lungo per ricrescere, rendendo così la combustione di pellet una fonte complessiva di emissioni di CO2.

“Li tagliano [gli alberi] e li bruciano per produrre energia in Europa – una pratica che degrada l'habitat cruciale delle foreste ed aumenta le emissioni di carbonio per molti decenni a venire”, dice Debbie Hammel, un esperto di risorse in forze al Consiglio di difesa delle Risorse Naturali (Natural Resources Defense Council – NRDC). Meno di un anno dopo che ha aperto l'impianto di Ahoskie della Enviva, il NRDC ha cominciato a monitorare come l'impianto  avesse un impatto sulle foreste vicine e quali tipi di alberi venissero usati per produrre pellet. Man mano che la domanda di produrre più pellet è aumentata, il NRDC ha osservato che le zone umide ricoperte di foreste nel bacino di Roanoke sono iniziate a sparire. “Una percentuale significativa della fonte di legno che la Enviva usa proviene dalle foreste di legno massiccio” dice Hammel, osservando che il disboscamento in quelle zone umide e nelle aree golenali crea grandi impatti ecologici, compresa la minaccia a specie come le cicogne dei boschi e gli usignoli cerulei. Secondo Hammel ed altri, bruciare pellet per produrre elettricità è di gran lunga più dannoso per l'ambiente e il clima che non le fonti di energia rinnovabile come solare ed eolico.

I funzionari dell'industria dicono, tuttavia, che produrre e bruciare pellet è una parte importante del mix di opzioni di energia rinnovabile. Seth Ginther, direttore esecutivo dell'Associazione Industriale del Pellet degli Stati Uniti, dice che il pellet è una “alternativa a basso costo e a basse emissioni” al carbone. In aggiunta, dice, la biomassa di legno ha meno zolfo, azoto, ceneri, cloro ed altre sostanze chimiche rispetto al carbone e ai combustibili fossili tradizionali. I produttori di pellet stanno usando legno di scarto e fibre legnose di basso livello in molti casi, secondo Ginther. Questo mercato di nicchia sta permettendo ad alcuni proprietari terrieri di continuare a piantare e coltivare alberi, piuttosto che abbattere i boschi per lo sviluppo commerciale o l'agricoltura. “La nostra industria aiuta ad incoraggiare i proprietari di foreste a riforestare e ripiantare, quindi questo mercato aiuta a mantenere in opera le foreste”, dice  Ginther. E dice anche che l'industria del pellet statunitense può attendersi una crescita anche più robusta se il mercato commerciale asiatico o il mercato residenziale europeo abbraccia la combustione di biomassa da legno. “Gli stati Uniti si sono insediati come una fonte sostenibile di fibra per la bioenergia e siamo molto orgogliosi del fatto che così tanti clienti europei si stiano rivolgendo ai produttori statunitensi per il loro approvvigionamento”, dice Ginther.

L'industria del pellet è davvero decollata nel 2012, dopo che il Dipartimento dell'Energia e del Cambiamento Climatico del Regno Unito ha pubblicato le linee guida sulla direzione della politica delle energie rinnovabili britannica per il prossimo futuro. Le linee guida hanno incoraggiato le società di servizi a trasformare i generatori alimentati a carbone in generatori che usano biomassa di legno ed ha fornito alle società di servizi l'opzione di bruciare pellet per aiutarle a soddisfare gli standard dell'Unione Europea di inquinamento dell'aria e di energia rinnovabile. Le società elettriche hanno quindi cominciato a trasformare il sudest degli Stati Uniti, dove il disboscamento è consolidato e molto meno limitato che in Europa, come fornitore primario di pellet. “E' l'UE che ha spinto quest'esplosione industriale”, dice Hammel.



NRDC/Dogwood Alliance. Foreste di legno massiccio delle zone umide vicino all'impianto della Enviva a Ahoskie, North Carolina.

Alcuni scienziati dicono che ci sono ancora più domande che risposte quando si tratta della combustione di pellet per l'energia in modo commerciale ed è in gran parte una questione di calcoli di ciclo del carbonio. Bob Abt, un professore di economia e gestione delle risorse naturali dell'Università di Stato del North Carolina, dice che molto dipende dall'origine e dal tipo di alberi usati per alimentare gli impianti di triturazione per il pellet. Bruciare pellet di legna rilascia la stessa quantità se non di più di biossido di carbonio per unità di energia che bruciare carbone, quindi perché la combustione di pellet sia ad emissioni zero, il carbonio emesso nell'atmosfera deve essere ricatturato in foreste rigenerate, dice Abt. Il legno di scarto, come le potature degli alberi e le parti inutilizzate degli alberi avanzate nelle segherie, sono il materiale migliore per il pellet, dice Abt. Ma lui ed altri dicono che non esistono tali rifiuti di legno in quantità sufficienti per alimentare la crescita della domanda di pellet. Quindi l'industria si è rivolta agli alberi interi.

Gli alberi dal legno tenero come il pino rigido coltivato in piantagioni gestite può essere piantato e ricrescere relativamente in fretta dopo il raccolto e la rimozione selettiva di alcuni alberi potrebbe verificarsi entro 12 anni. Quando viene usato il legno tenero, il carbonio rilasciato durante la combustione del pellet per la produzione di elettricità può quindi essere sequestrato e immagazzinato nei nuovi alberi. Ma usare gli alberi a legno duro delle golene dà un diverso calcolo del carbonio, dice Abt. Usare queste specie di alberi richiede un tempo molto più lungo per compensare il carbonio rilasciato, in quanto il legno duro delle golene cresce più lentamente. Abt evidenzia anche che le foreste dei piani alluvionali, che appartengono tipicamente a piccoli proprietari, tendono a non aderire agli standard di certificazione della sostenibilità. La rigenerazione nelle golene tende anche ad essere più variabile e dipende dalle condizioni idrologiche locali.

Quando un impianto di triturazione consuma quasi un milione di tonnellate di legno all'anno, è difficile tracciare da dove venga ogni singolo albero, secondo Abt ed altri esperti. Ma la Forisk, una società di consulenze che traccia le tendenze dell'industria forestale, calcola che la maggioranza del legno usato nell'impianto di Ahoskie della Enviva provenga da alberi a legno duro – compresi quelli che si trovano tipicamente nelle foreste delle zone umide. Generalmente, gli impianti di triturazione del pellet nel North Carolina e in Virginia dipendono più da questi legni duri che crescono più lentamente, mentre in Georgia, per esempio, si utilizzano principalmente piantagioni di pini, dice Abt. Queste due diverse classi di alberi sono “su lati opposti dello spettro”, quando si tratta di gestione forestale e di quanto carbonio viene rilasciato e sequestrato, osserva. Se l'industria del legname nel sudest degli Stati Uniti raccoglie tutti i rami, le radici e altri scarti di alberi ed usa quel legno per fare pellet, William Schlesinger, che è presidente emerito dell'Istituto Cary di Studi dell'Ecosistema e biogeochimico che studia i cicli del carbonio, non avrebbe problemi con essa. Il problema, dice, è quando i pellet sono fatti con legno duro vergine e di seconda crescita.

“La prova migliore che abbiamo è che non tutto il pellet proviene dagli scarti di legno e che crea un deficit di carbonio”, dice Schlesinger, che è stato uno degli scienziati che ha scritto una lettera all'EPA (Environmental Protection Agency) invitando l'agenzia a creare forti standard di inquinamento per l'energia da biomasse. Schlesinger indica le foto aeree distribuite dal Southern Environmental Law Center che mostrano querce di grande diametro e noci americani abbattuti per la produzione di pellet di legna nell'impianto di Ahoskie della Enviva. Uno studio dell'impianto di Ahoskie commissionato dal Southern Environmental Law Center e dalla National Wildlife Federation ha scoperto che più del 50% delle probabili zone di approvvigionamento dell'impianto di Ahoskie sono le foreste delle zone umide. Più di 168.000 acri di foresta delle zone umide sono a rischio di essere tagliate per produrre pellet solo in questo impianto, ha detto lo studio. Il NRDC sta attualmente intraprendendo uno studio usando dati GPS per mappare i punti caldi in cui gli impianti di pellet hanno gli impatti maggiori attraverso gli Stati Uniti sudorientali. Il gruppo pensa di pubblicare lo studio questa primavera, sottolineando il disboscamento intorno agli impianti di produzione del pellet.

Schlesinger dice che i calcoli recenti in cui sono stati usati i dati della EIA e della IEA mostrano che bruciare pellet produce grandi impatti sulle foreste per quantità molto modeste di bioenergia. Per esempio, la IEA prevede che per produrre il 6,4% dell'elettricità globale bruciando biomassa legnosa nel 2035, il raccolto globale di alberi commerciali – tutti gli alberi abbattuti eccetto la legna tradizionale – dovrebbe aumentare del 137%. Non sono solo le società di servizi europee che potrebbero finire per bruciare pellet su scala industriale. Hammel, del NRDC, osserva la possibilità di un passaggio significativo alla combustione di legno in modo commerciale qui negli Stati uniti, a seconda di come l'EPA degli Stati Uniti decida di conteggiare le emissioni di gas serra dalle centrali che bruciano biomasse. “Sarebbe un errore per l'EPA dare ai produttori di energia da biomasse un lasciapassare sulla responsabilità del carbonio”, dice Hammel. “Abbattere e bruciare alberi per l'energia è un passo nella direzione sbagliata per il clima e per le nostre foreste”.



9 commenti:

  1. E' il pellet commerciato a pallet a container e a bastimenti che è la dismisura.
    Sempre questa maledetta dismisura, ma alla fine dismisurerà anche sè stessa.
    E siccome molte dismisure si stanno dismisurando, il rientro nei ranghi aumenterà a dismisura.
    Fino ad un nuovo ordine ed equilibrio.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  2. E non dimentichiamo lo sconcio dei biocarburanti:

    http://www.qualenergia.it/articoli/20150217-biocarburanti-studi-esistenti-sbagliati-impatti-peggiori-di-quanto-stimato

    RispondiElimina
  3. ....Nel frattempo o comuni chiedono le tasse per le canne fumarie perchè inquinerebbero..Anche quando il camino è acceso con la legna del proprio terrreno ? vedi il caso dei miei...Queste tasse serviranno forse per mantenere il monte stipendi pubblico ?OT...Leggevo invece che questo inverno i consumi italioti di gas sarebbero diminuiti di un altro 20% rispetto all'anno scorso, già in forte diminuzione...Quindi nell'inverno italiano , basta vivere in casa con 15
    gradi invece di 19 per fare a meno di Russia e Libia ? (ovviamente non si parla di gas per il termoelettrico )....Nel frattempo o comuni chiedono le tasse per le canne fumarie

    RispondiElimina
  4. Analoghi progetti la Regione Toscana (e penso anche altre) sta mandando avanti in nome e per conto della salvaguardia e dello "sviluppo sostenibile" (ossimoro che da pornografica sta diventando blasfemo).
    E' veramente straordinaria la nostra capacità di utilizzare ogni tecnologia potenzialmente utile per creare un altro disastro. Speriamo che davvero nel giro di una decina d'anni si fermi il grosso della megamacchina globale. Speriamo...
    Jacopo

    RispondiElimina
  5. Analoghi progetti la Regione Toscana (e penso anche altre) sta mandando avanti in nome e per conto della salvaguardia e dello "sviluppo sostenibile" (ossimoro che da pornografica sta diventando blasfemo).
    E' veramente straordinaria la nostra capacità di utilizzare ogni tecnologia potenzialmente utile per creare un altro disastro. Speriamo che davvero nel giro di una decina d'anni si fermi il grosso della megamacchina globale. Speriamo...
    Jacopo

    RispondiElimina
  6. Questa è la nuova ormai non più nuova moda verdognolastra dell'energia da biomasse.

    Non vorrei sbagliarmi ma penso che il termine corretto (per il prodotto relativo) per gli impianti industriali sia cippato.
    Sarà una decina di anni che Stefano Montanari allerta su questa bojata.
    Solo degli idioti, dei totalmente dementi , in un mondo che esplode di gas climalteranti, a partire dalla CO2, bruciano e abbattono (soprattutto) alberi che trattengono carbonio in forma solida e rilasciano ossigeno, come fonte di energia per energie varie da sprecare o da usare per cose idiote se non nefaste.

    RispondiElimina
  7. il legno della foto sopra non mi pare scarto o rami. Adios foreste.

    RispondiElimina
  8. Nella Conferenza dei servizi per il rilascio dell'autorizzazione alla Ditta RENOVO per una centrale termoelettrica da 1Mw (0,999) a biomasse legnose a Petrona nel cuore verde del Mugello tra Scarperia e Borgo S.L., l'ARPAT ha osservato che l'aumento dell'impiego di pellet, da parte degli abitanti della zona, conseguente all'offerta di pellet locale che RENOVO si propone di produrre per utilizzare l'energia termica, produrrebbe un incremento non sostenibile di particolato, minore se viene sostituito il gasolio, non accettabile nel caso di sostituzioni di combustibili gassosi. Si segnala che l'intera zona è metanizzata, mentre negli scenari illustrati da RENOVO si parla di gasolio e GPL.( cfr. C.d.S. prov. Fi del 07.04.2014 pg.14)

    RispondiElimina
  9. Riflessioni corrette e oserei dire quasi imbarazzanti, però il pellet è diventato ormai una realtà usato da milioni di italiani e mi sa che possiamo farci ben poco per migliorare la situazione.

    RispondiElimina