Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 17 febbraio 2014

L'Italia esce dalla recessione





Dati aggiornati al 2013 secondo ISTAT. Titolo del post riprodotto da "Repubblica" del 14 Febbraio.

11 commenti:

  1. Per questi zeloti fanatici di La Crescita, basta anche un fievole respiro del moribondo paziente che sta schiattando di tumore, per rinnovare la loro fede.
    Credo la Crescita una, santa, tecnoteista, demagogica e capitalista.

    RispondiElimina
  2. ma come si fa a leggere Repubblica? lo uso solo per lavare i vetri di casa.

    Scherzi a parte, per chi vuole una finormazione obiettiva e slegata dagli enormi conflitti di interesse dei nostri girnali cata straccia e dei tg, leggetevi Andrea Mazzalai:
    http://icebergfinanza.finanza.com/

    RispondiElimina
  3. Tentativo patetico di spin positivo. Una specie di dovere istituzionale, ma che suona molto, molto debole.
    Io lo chiamo piuttosto rimbalzo del gatto morto. E' ovvio che dopo tanti scivoloni, anche per questioni meramente tecniche, ci siano rimbalzi e rimbalzini, niente cade davvero in continuazione, a meno di non cadere dentro ad un buco nero.

    I parametri generali nazionali sono pessimi, e quelli internazionali tempestosi addirittura.
    Io temo che ci sia un altro credit crunch per questa estate, purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimbalzo del gatto morto

      non è male! >:)

      Elimina
    2. Non l'ho inventata io, e' una frase gergale che si usa in finanza ed economia (dead cat bounce).

      Serve a dire in maniera colorita che ci sono situazioni di rimbalzo che sono legate ad effetti di feedback del sistema, anche se il trend generale non cambia e la situazione e' pessima.


      Elimina
  4. Un po' di fumo per gli allocchi...

    RispondiElimina
  5. Davvero? Se è una ripresa come mai appare come una discesa? Intanto prepariamoci con quell'OGM di Renzi... è di fede economica ultra-liberista, quindi tra crisi energetiche, guerre in preparazione e quant'altro certamente provocherà ancor più disastri. Quello ha fette di prosciutto sugli occhi...

    RispondiElimina
  6. Visto che sono un " cerca-tartufi", abbiamo un paese " vitale", in piena deflazione, una classe politica " geniale", vedi la nuova tassa del 20% sulle transazione finanziarie dall'estero e tante altre belle cose che non sto quì ad elencare, cosa possono decidere, meglio che ordini devono ricevere %&%& come Renzi per salvare una banca come la JP Morgan Chase nel mezzo di un collasso sistemico non solo economico nel mentre manager finanziari muoiono come mosche? Siamo a 21 finora. Svuotare l'Italia per salvare per un'attimo QUELLA BANCA. Ma poi? Siamo stretti tra una spirale esponenziale ( debiti, interessi,...) e logaritmica ( risorse e produttività).

    RispondiElimina
  7. Come ho sempre sostenuto,credo piu' alla funzione salvifica dei tracolli economici che alla teoria sul riscaldamento climatico.La miseria ci renderà virtuosi, molto di piu' di una catastrofe climatica piu' o meno imminente.Questo perchè la povertà è gia tra noi, molto piu' incisiva (per la gente comune) dei pregevoli studiosi del picco del petrolio (purtroppo).Molti di voi non condivideranno, ma al sottoscritto interessa di piu' il risultato che la strada per la quale ci si arriva.Parafrasando una scena del film "2012", "quando dicono che va tutto bene è arrivato il momento di scappare". Buona giornata e buona ripresa....per i fondelli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La miseria ha tanti disparati effetti: se non hai metano e gasolio e sei particolarmente impreparato, ti arrampichi sulle montagne a buttare giù piante. Che è il metodo col quale in antico portammo al collasso la collina e la montagna del parmense - piacentino. Attenzione perché le condizioni climatiche oggi non sono quelle del '700: le medesime azioni non avranno identici risultati, andrà peggio.

      In questo momento mi trovo sono seduto di fianco ad una stufa a legna, in mezzo ad una pianura alluvionale, ai piedi di boscose montagne. In compagnia più che pessima.

      Elimina