Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


lunedì 24 febbraio 2014

Il nostro futuro energetico

Da “Our Finite World”. Traduzione di Mr

Di Gail Tverberg

Per capire quali soluzioni al nostro dilemma energetico funzioneranno o non funzioneranno, è necessario capire la vera natura del nostro dilemma energetico. Gran parte delle soluzioni falliscono perché gli analisti pensano che la natura del nostro problema energetico sia molto diversa da quello che è in realtà. Gli analisti pensano che il nostro problema sia un problema a lungo termine che si sta dipanando lentamente, quando nei fatti si tratta di un problema che bussa già ora alle nostre porte.

Il punto che molti analisti non vedono è che il problema energetico si comporta in modo molto simile a un problema finanziario a breve termine. Parleremo del perché questo accade. Questo problema finanziario a breve termine è destinato a lavorare su sé stesso in un modo che porta ad enormi perdite di posti di lavoro e cambiamenti di governance a breve termine. Le nostre strategie di mitigazione devono essere considerate in questo contesto. Le strategie indirizzate alla sola mitigazione delle carenze energetiche con combustibili costosi ed equipaggiamenti high-tech sono destinate ad essere soluzioni dalla vita breve, sempre che siano affatto delle soluzioni.

Il nostro dilemma energetico

1. Il nostro problema energetico numero uno è un bisogno rapidamente in crescita di capitale di investimento solo per mantenere un livello di estrazione di risorse costante. Questo capitale di investimento è costituito da “cose” fisiche come petrolio, carbone, gas e metalli. Prima abbiamo tirato fuori il petrolio, gas e carbone “facili da estrarre”. Mentre passiamo alle risorse difficili da estrarre, scopriamo che la necessità di capitale di investimento cresce rapidamente. Secondo quello che scrive Mark Lewis sul Financial Times, “le spese di capitale a monte” per petrolio e gas ammontano a circa 700 miliardi di dollari nel 2012, in confronto ai 350 miliardi di dollari nel 2005. Ciò corrisponde ad un aumento annuo al netto dell'inflazione del 10% per un periodo di 7 anni.

Figura 1. Il modo in cui si prevede che l'estrazione del fabbisogno energetico aumenti  mentre le risorse finite si esauriscono.

In teoria, ci si aspettava che i costi di estrazione aumentassero all'avvicinarsi ai limiti della quantità da estrarre. Di fatto, l'aumento vertiginoso dei prezzi del petrolio negli ultimi anni è come ce lo aspettavamo se succede questo. Siamo stati capaci di aggirare il problema negli anni 70, aumentando l'estrazione petrolifera, sostituendo altri prodotti energetici al petrolio ed aumentando l'efficienza. Stavolta, le nostre opzioni per risolvere la situazione sono molte di meno, visto che i frutti più in basso sono già stati raccolti e ora stiamo raggiungendo i limiti finali.

Figura 2. Prezzi storici del petrolio in dollari del 2012, sulla base dei dati della Revisione Statistica dell'Energia Mondiale della BP del 2013. (2013 compreso, da dati EIA)

A rendere peggiori le cose, il bisogno di capitale di investimento rapidamente in crescita si manifesta in altre industrie come per i combustibili fossili. L'estrazione dei metalli in qualche modo si trova nello stesso schema. Abbiamo estratto prima i minerali di maggiore densità e posizionati nella aree più accessibili. Questo significa che dobbiamo rimuovere più prodotti di scarto indesiderati usando più risorse, risorse energetiche comprese. 

Figura 3. Prodotto di scarto per produrre 100 unita di metallo. 

C'è un aumento enorme della quantità di prodotti di scarto che devo essere estratti e smaltiti man mano che passiamo a minerali di minore densità (Figura 3). L'aumento dei prodotti di scarto è solo del 3% se passiamo a minerali con una concentrazione di 0,200 a minerali con una concentrazione di 0,195. Se passiamo da una concentrazione di 0,010 ad una di 0,005, la quantità di prodotto di scarto è più che doppia. Se guardiamo il costo al netto dell'inflazione dei metalli di base (Figura 4 sotto), vediamo che l'indice è generalmente sceso per un lungo periodo fra gli anni 60 e gli anni 90, mentre i miglioramenti di di produttività sono stati maggiori della diminuzione della qualità dei minerali. 

Figura 4. Indice al netto dell'inflazione dei metalli di base della Banca Mondiale (ferro escluso). 

Dal 2002, l'indice è più alto, come potremmo aspettarci se stessimo cominciando a raggiungere i limiti rispetto ad alcuni dei metalli dell'indice. Ci sono molte altre situazioni in combattiamo una battaglia persa con la natura e che di conseguenza hanno bisogno di maggiori investimenti di risorse. Abbiamo malamente sfruttato oltre misura la pesca negli oceani, quindi ora i pescatori devono usare più risorse per pescare i pesci più piccoli che rimangono. L'inquinamento (compreso quello da CO2) sta diventanto sempre più un problema, quindi investiamo risorse in dispositivi per catturare le emissioni di mercurio e in turbine eoliche nella speranza che possano risolvere i nostri problemi di inquinamento. Dobbiamo anche investire sempre di più in strade, ponti, linee di trasmissione elettriche e condutture per compensare il ritardo di manutenzione e l'invecchiamento delle strutture. 

Alcuni dicono che il problema sia di diminuzione dell'EROEI, infatti la diminuzione dell'EROEI è parte del problema. La ripidità della curva deriva dal rapido aumento dei prodotti energetici usati per l'estrazione e per molti altri scopi, mentre ci avviciniamo ai limiti. Il limite del capitale di investimento è stato scoperto dai modellatori originali de I Limiti dello Sviluppo nel 1972. Parlo di questo nel mio post Perché le previsioni di EIA, IEA e di 2052 di Randers sono sbagliate.

2. Quando la quantità di petrolio estratta ogni anno diventa piatta (come ha fatto dal 2004), emerge un conflitto: come può esserci sufficiente petrolio per (a) il crescente investimento necessario per mantenere lo status quo e (b) per i nuovi investimenti per promuovere la crescita?

Nella sezione precedente abbiamo parlato del crescente bisogno di capitale di investimento solo per mantenere lo status quo. Almeno parte di questo capitale di investimento deve essere sotto forma di petrolio. Un altro uso del petrolio sarebbe quello per far crescere l'economia – costruendo nuove fabbriche, o piantando altre colture o trasportando più beni. Mentre in teoria c'è una possibilità di sostituire il petrolio, in ogni momento, la capacità di sostituirlo è molto limitata. Gran parte delle opzioni di trasporto richiedono petrolio e gran parte dell'agricoltura richiede petrolio. La costruzione e l'equipaggiamento delle strade richiedono petrolio, così come le pompe diesel per l'irrigazione. A causa della mancanza di sostituibilità a breve termine, il fabbisogno di petrolio per reinvestire tende a tagliare fuori la possibilità della crescita. Questa è perlomeno parte della ragione del rallentamento della crescita economica negli ultimi anni. 

3. Tagliando fuori la crescita, i paesi che hanno un handicap maggiore sono quelli col costo medio della propria fornitura di energia più alto.

Per gli importatori di petrolio, il petrolio un prodotto a costo molto alto che fa aumentare il costo medio dei prodotti energetici. Questo costo medio dell'energia è più alto in paesi che usano la più alta percentuale di petrolio nel proprio mix energetico. Se guardiamo i numeri dei paesi importatori di petrolio, vediamo che la crescita economica tende ad essere molto più lenta nei paesi che usano molto petrolio nel loro mix energetico. Questo tende ad accadere perché gli alti costi energetici rendono i prodotti meno accessibili. Per esempio, gli alti costi del petrolio rendono le vacanza in Grecia inaccessibili, portando a tagli nella loro industria turistica. E' impressionante, quando si guarda ai paesi disposti sulla base del petrolio del proprio mix energetico, vedere in che misura il grande uso di petrolio, e quindi l'uso di energia ad alto costo, sia associato ad una lenta crescita economica (Figure 5, 6 e 7). Sembra quasi che ci sia una reazione al dosaggio – maggiore l'uso di petrolio, minore la crescita economica. Mentre i PIIGS (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna) vengono mostrati come un gruppo, ognuno dei paesi nel gruppo mostra lo stesso modello per quanto riguarda l'alto consumo di petrolio come percentuale della propria produzione energetica nel 2004. Senza dubbio la globalizzazione ha agito accelerando questo passaggio verso paesi che usavano meno petrolio. Questi paesi tendevano ad usare molto più carbone nel loro mix energetico – un combustibile molto più conveniente. 

Figura 5. Consumo percentuale di energia da petrolio nel 2004 di paesi selezionati e di gruppi di paesi, basato sulla Revisione Statistica dell'Energia Mondiale della BP del 2013. (EU – PIIGS significa “EU 27 meno i PIIGS”)

Figura 6. Percentuale di crescita media in PIL reale fra il 2005 e il 2011 basata su dati del PIL del USDA in dollari americani del 2005. 

Figura 7. Crescita del consumo medio percentuale fra il 2004 e il 2011, basata sui dati della Revisione Statistica dell'Energia Mondiale della BP del 2013.

4.I sistemi finanziari dei paesi con crescita rallentata sono particolarmente colpiti, come lo sono i governi. Il debito diventa più difficile da ripagare con gli interessi, mentre la crescita economica rallenta. 

Con una crescita lenta, il debito diventa più difficile da ripagare con gli interessi. I governi vengono incitati ad aggiungere programmi di aiuto ai propri cittadini, perché l'occupazione tende ad essere bassa. I governi scoprono che gli introiti delle tasse tardano a causa del ritardo degli stipendi di gran parte dei cittadini, portando a deficit di governo. (Questo è esattamente il problema che hanno notato Turchin e Nefedov, prima del collasso, quando hanno analizzato otto collassi storici nel loro libro “Cicli Secolari”). I governi hanno recentemente tentato di sistemare sia i loro problemi finanziari sia quelli dei loro cittadini abbassando i tassi di interesse a livelli molto bassi e usando il Quantitative Easing (Alleggerimento Quantitativo). Il secondo permette ai governi di mantenere bassi anche i tassi di interesse a lungo termine. Col Quantitative Easing i governi sono in grado di continuare a prendere in prestito senza avere un mercato di acquirenti pronti. L'uso del Quantitative Easing tende anche a gonfiare la bolla dei prezzi delle azioni e degli immobili, aiutando i cittadini a sentirsi più ricchi. 

5. Gli stipendi dei cittadini dei paesi importatori di petrolio tendono a rimanere fermi, mentre i prezzo del petrolio rimane alto. 

Almeno una parte del problema degli stipendi è collegata alla crescita economica lenta indicata sopra. Inoltre, i cittadini del paese taglieranno i beni voluttuari all'aumentare del prezzo del petrolio, perché il costo del loro pendolarismo e del loro cibo aumenta (perché il petrolio viene usato per coltivare cibo). Il taglio della spesa voluttuaria porta a licenziamenti nei settori voluttuari. Se i beni esportati sono a loro volta costosi, i compratori degli altri paesi tenderanno a loro volta a tagliarli, portando ad ulteriori licenziamenti e ad una bassa crescita degli stipendi. 

6. I produttori di petrolio scoprono che i prezzi del petrolio non salgono abbastanza e tagliano i loro fondi per il reinvestimento.

Mentre i costi dell'estrazione di petrolio aumentano, diventa difficile che la domanda di petrolio rimanga alta, perché gli stipendi non aumentano. Questo è il problema che ho descritto nel mio post Cosa ci aspetta? Costi del petrolio inferiori nonostante i maggiori costi di estrazione. Stiamo vedendo questo problema oggi. Bloomberg scrive che I profitti petroliferi crollano mentre le maggiori spese non riescono ad aumentare la produzione. Business Week scrive che a sorpresa la Shell mostra una compressione del profitto anche col petrolio a 100 dollari. Statoil, la compagnia norvegese, sta considerando di andarsene dalla Groenlandia per cercare di coprire i costi di produzione.

7. Ci troviamo con un imperativo a lungo termine riguardo all'uso di combustibili fossili che emerge dagli effetti della globalizzazione e dall'aumento della popolazione mondiale. 

La globalizzazione ha aggiunto circa 4 miliardi di consumatori al mercato mondiale nel periodo 1997-2001. Queste persone prima avevano stili di vita tradizionali. Una volta diventati consapevoli di tutti i beni che hanno le persone nei paesi ricchi, hanno voluto unirsi, comprando moto, macchine, televisioni, telefono ed altri beni. Hanno anche voluto mangiare carne più spesso, La popolazione in quei paesi continua a crescere, aggiungendosi alla domanda di beni di ogni tipo. Questi beni possono essere prodotti solo usando combustibili fossili, o da tecnologie possibili grazie ai combustibili fossili (come l'idroelettrico, il nucleare, l'eolico e il solare FV). 

8. La combinazione di queste forze porta ad una situazione in cui le economie, una dopo l'altra, gireranno verso il basso in un futuro molto vicino – da pochi mesi a un anno o due. Alcuno sono già su questa strada (Egitto, Siria, Grecia, ecc.).  

Abbiamo due problemi che tendono a convergere: problemi finanziari che i paesi ora stanno nascondendo e un bisogno crescente di risorse in una vasta gamma di aree che stanno raggiungendo i limiti (petrolio, metalli, sfruttamento della pesca, manutenzione ritardata delle condutture). Sul lato finanziario, ci sono paesi che cercano di restare in piedi nonostante un grave divario fra spese e introiti, usando il Quantitative Easing e tassi di interesse ultra bassi. Se i paesi svolgono il Quantitative Easing, è probabile che i tassi di interesse crescano. Siccome il debito viene ampiamente usato, il costo di tutto, dall'estrazione del petrolio ad una nuova casa o comprare un'automobile, è possibile che cresca. Il costo del pagamento del debito governativo a sua volta aumenterà, ponendo i governi in condizioni finanziarie peggiori di quanto non lo siano oggi. Una grande preoccupazione è che questi problemi si sposteranno nei mercati del debito. L'aumento dei tassi di interesse porterà a default diffusi. La disponibilità di debito, comprso per la trivellazione di petrolio, si prosciugherà. Anche se il debito non si prosciuga, le compagnie petrolifere sono già state spremute dai fondi di investimento e stanno considerando di tagliare sulle perforazioni. Un congelamento del credito renderebbe sicuro che questo accada. Nel frattempo, sappiamo che i costi di investimento continuano a salire in molte diverse industrie simultaneamente, perché stiamo raggiungendo i limiti di un mondo finito. Ci sono altre risorse disponibili; sono solo più costose. Si verifica un divario, perché i nostri stipendi non crescono. La quantità fisica di petrolio necessaria per tutti questi investimenti continua a crescere, ma la produzione di petrolio continua nel suo plateau relativamente piatto, o forse comincia a scendere. Ciò porta a meno petrolio disponibile per investire sul resto dell'economia. Data la compressione, è probabile che sempre più paesi vadano incontro a un rallentamento della crescita o a una contrazione. 

9. Quello che mi aspetto è che la situazione finirà con una diminuzione piuttosto rapida della produzione di ogni tipo di prodotto energetico e il fallimento di un bel po' di governi. I governi che rimangono taglieranno drammaticamente i servizi. 

Col crollo della produzione di petrolio, i programmi promessi dal governo saranno ben oltre quello che i governi si possono permettere, perché i governi si finanziano fondamentalmente coi surplus di un'economia dei combustibili fossili – la differenza fra il costo di estrazione e il valore di questi combustibili fossili per la società. Mentre il costo di estrazione sale, i surplus tendono a prosciugarsi. 

Figura 8. Costo di estrazione di un barile di petrolio in relazione al valore per la società. La crescita economica è permessa dalla differenza. 

Mentre questi surplus si restringono, i governi avranno bisogno di restringersi drammaticamente. Il fallimento di un governo sarà più facile del suo ridimensionamento. Il commercio e la finanza mondiale saranno particolarmente impegnativi in questo contesto. Cercare di ricominciare sarà difficile, perché molti dei nuovi paesi saranno molto più piccoli dei loro predecessori e non avranno nessun “dato storico”. Quelli che hanno dati storici avranno dati storici dei default del debito e delle promesse mancata, cose che non daranno ai prestatori fiducia nella loro capacità di ripagare i nuovi prestiti. Mentre è chiaro che la produzione di petrolio diminuirà, con tutte le interruzioni e una mancanza di operatività dei mercati finanziari, mi aspetto che anche la produzione di gas e carbone diminuirà. I pezzi di ricambio per quasi tutto saranno difficili da avere, a causa della necessità da parte del commercio internazionale di sostenere la manifattura di questi pezzi. I beni high-tech come i computer e i telefoni saranno particolarmente difficili da comprare. Tutti questi cambiamenti risulteranno in una perdita di gran parte dell'economia dei combustibili fossili e delle rinnovabili high-tech che questi combustibili fossili sostengono. 

Una previsione per le future forniture energetiche e il loro impatto

Una stima approssimativa dell'ordine di grandezza della diminuzione della fornitura energetica è data nella Figura 9 sotto. 

Figura 9. Stima della produzione futura di energia dell'autrice. Dati storici basati su BP adattati ai raggruppamenti della IEA.

Il problema che incontreremo potrebbe essere descritto molto meglio come “Limiti della Crescita” che “Picco del Petrolio”. Ci saranno enormi perdite di lavoro, quando declinerà l'uso di combustibile. I governi troveranno che le loro finanze sono messe sotto pressione persino più di adesso, con richieste di nuovi programmi di assistenza nel momento in cui gli introiti diminuiscono drammaticamente. I default del debito saranno un problema enorme. Il commercio internazionale diminuirà, specialmente verso i paesi con i problemi finanziari peggiori. Un grande problema sarà la necessità di riorganizzare i governi in modo nuovo e molto meno costoso. In alcuni casi, la situazione tornerà a tribù locali con leader tribali. La sfida successiva sarà cercare di portare i governi ad agire in un modo coordinato. Potranno essere necessari più di una serie di cambiamenti governativi, nel momento in cui le forniture globali di energia declinano. Avremo anche bisogno di produrre i beni a livello locale, in un momento in cui il finanziamento del debito non funziona più molto bene e i governi non fanno più manutenzione alle strade. Dovremo inventare nuovi approcci, senza il beneficio di beni high-tech come i computer. Con tutti i disagi, la rete elettrica a sua volta non durerà a lungo. La domanda diventerà: cosa possiamo fare coi materiali locali per fare in modo che ci sia ancora un'economia?

Non-soluzioni e soluzioni parziali al nostro problema 

Ci sono molte soluzioni proposte per il nostro problema. Molte non funzioneranno perché la natura del problema è diversa da quello che gran parte delle persone si aspettava.
1. Sostituzione. Non abbiamo tempo. Inoltre, qualsiasi sostituzione facciamo dev'essere con materiali locali economici, se ci aspettiamo che durino a lungo. Non devono nemmeno usare troppo risorse come il legno, che è una fornitura limitata. E probabile che la disponibilità di elettricità declini rapidamente quanto il petrolio, a causa dell'incapacità di tenere aggiornata la rete elettrica ed altri disagi (come governi falliti, mancanza di petrolio per lubrificare i macchinari, mancanza di pezzi di ricambio, bancarotta di società coinvolte nella produzione di elettricità) quindi non è realmente una soluzione a lungo termine ai limiti del petrolio. 

2. Efficienza. Ancora una volta, non abbiamo tempo per fare molto. Le automobili che consumano meno tendono a costare di più, sostituendo un problema con un altro. Un grande problema in futuro sarà la mancanza di manutenzione delle strade. I guadagni in efficienza teorici potrebbero non valere nel mondo reale. Inoltre, mentre i governi riducono i servizi e spesso falliscono, i prestatori non saranno disposti a prestare fondi per nuovi progetti che in teoria migliorerebbero l'efficienza. In alcuni casi, semplici dispositivi potrebbe fornire efficienza. Per esempio, il solare termico può essere spesso una buona scelta per scaldare l'acqua. Questi dispositivi devono essere durevoli. 

3. Turbine eoliche. L'attuale tipologia di turbine eoliche industriali saranno difficili da mantenere, quindi è improbabile che siano durevoli. La necessità di capitale di investimento per le turbine eoliche sarà in competizione con altre necessità di capitale di investimento. Le emissioni di CO2 dai combustibili fossili diminuiranno drammaticamente, con o senza le turbine eoliche. Dall'altro lato, semplici generatori eolici fatti con materiali locali potrebbero funzionare a lungo termine. E' probabile che questi siano utili per l'energia meccanica, per pompare l'acqua o alimentare telai per i vestiti. 

4. Pannelli solari. Ci si può aspettare che i piani di incentivazione promessi per aiutare i possessori di case a pagare i pannelli solari in gran parte sfumeranno. Gli inverter e le batterie avranno bisogno di ricambi, ma probabilmente non saranno disponibili. I possessori di case abili capaci di ri-cablare i pannelli solari per un uso fuori rete potrebbero trovarli utili per dispositivi che possono andare a corrente continua. Come parte della rete elettrica, i pannelli solari non ne allungheranno la vita. Non sarà probabilmente possibile fare pannelli solari per molti anni, quando l'economia dei combustibili fossili raggiunge i suoi limiti. 

5. Petrolio di scisto. Il petrolio di scisto è un esempio di prodotto con costi di investimento molto alti e ritorni che sono dubbi nella migliore delle ipotesi. Le grandi compagnie che hanno cercato di estrarre petrolio di scisto hanno deciso che proprio non ci sono i margini. Le compagnie più piccole sono state in grado in qualche modo di mettere insieme bilanci che dichiarano profitti, basati sulla produzione sperata per il futuro e tassi di interesse molto bassi. I costi per estrarre il petrolio di scisto al di fuori degli Stati Uniti è probabile che siano persino più alti. Questo succede perché negli Stati Uniti hanno leggi che favoriscono la produzione (i proprietari delle terre hanno una percentuale sui profitti) ed altre situazioni favorevoli come oleodotti già installati, abbondanti disponibilità di acqua e una bassa popolazione nelle aree dove viene fatto il fracking. Se i paesi decidono di far decollare la produzione di petrolio di scisto, è probabile che si imbattano in situazioni di flusso di cassa estremamente negative. E' difficile dire che queste operazioni salveranno il mondo dai suoi problemi finanziari (ed energetici). 

6. Tasse. Le tasse devono essere strutturate con molta attenzione per avere un qualsiasi beneficio di deterrenza sul carbonio. Se parte delle tasse che i consumatori pagherebbero normalmente al governo sono riscosse sul combustibile per i veicoli, la pratica può incoraggiare di più l'uso di veicoli efficienti. Dall'altro lato, se le tasse sul carbonio vengono riscosse sulle aziende, le tasse tendono ad incoraggiare le aziende a delocalizzare la produzione in altri paesi dove costa meno. Lo spostamento della produzione porta all'uso di più carbone per l'elettricità, piuttosto che meno. In teoria, le carbon tax abbinate a una tassa molto alta sui beni importati prodotti col carbone, ma questo non è stato fatto. Senza tale abbinamento, le carbon tax è probabile che aumentino le emissioni mondiali di CO2. 

7.  Economia di stato stazionario. Herman Daly è stato l'editore di un libro nel 1973 dal titolo Verso un'economia di stato stazionario, che proponeva che il mondo lavori verso un'economia di stato stazionario al posto di una in crescita. Nel 1973, quando le risorse erano ancora abbondanti, un approccio del genere avrebbe agito per tenere a bada i Limiti della Crescita per parecchi anni, specialmente se nell'approccio fosse stato inclusa la crescita zero della popolazione. Oggi, è troppo tardi perché un approccio del genere funzioni. Siamo già in una situazione con risorse molto esaurite. Non possiamo sostenere gli attuali livelli di produzione se vogliamo – fare questo richiederebbe una produzione di energia che cresca molto, a causa della crescente necessità di investimenti energetici per mantenere l'attuale produzione, di cui abbiamo parlato nella voce (1) de “Il nostro dilemma energetico”. Probabilmente è impossibile evitare il collasso. Non possiamo nemmeno sperare in un risultato buono come l'economia di stato stazionario. 
8. Basare la scelta di generazione di energia aggiuntiva sui calcoli dell'EROEI.  Dal mio punto di vista, basare i nuovi investimenti energetici sui calcoli del EROEI è nella migliore delle ipotesi una prospettiva incerta. I calcoli dell'EROEI misurano una parte teorica di un intero sistema - “energia alla testa di pozzo”. Quindi a questi mancano parti importanti del sistema, che condizionano sia l'EROEI sia i costi. Trascurano anche i tempi, quindi possono indicare che un investimento è buono anche se scava un enorme buco finanziario nelle organizzazioni che fanno l'investimento. I calcoli dell'EROEI non considerano neanche questioni di riparabilità che accorciano i tempi di vita nel mondo reale. A prescindere dalle indicazioni dell'EROEI, è importante considerare anche le probabili conseguenze finanziarie. Se i prodotti devono essere competitivi nel mercato mondiale, l'elettricità deve essere economica, a prescindere da quello che i calcoli dell'EROEI sembrano suggerire. Il nostro vero problema è la mancanza di capitale di investimento – una cosa che viene inghiottita a tassi prodigiosi dai dispositivi di generazione dell'energia i cui costi si verificano principalmente all'inizio delle loro vite. Dobbiamo fare attenzione ed usare il nostro capitale di investimento in modo saggio, non per mode costose e che non reggeranno sul lungo periodo. 

9. Riduzione della domanda. Questo deve realmente essere la maniera principale attraverso la quale ci allontaniamo dai combustibili fossili. Anche se non abbiamo altre opzioni, i combustibili fossili si allontaneranno da noi. Incoraggiare le coppie ad avere meno figli sembra essere una buona scelta. 

14 commenti:

  1. Come vi ho sempre detto, il tempo a nostra disposizione è terminato già da parecchio. Il "punto di non ritorno" è stato ampiamente passato a causa delle valutazioni caute da parte degli scienziati e ricercatori che avevano timore del giudizio sul loro operato. Per il disastro è una situazione win-win a causa della natura intrinsecamente difettosa del pensiero umano.

    RispondiElimina
  2. Il 2015 è il nuovo 2012, ovvero la fine del paradigma della crescita.
    Da me a Bari la scarsa manutenzione delle strade è già una realtà. Si va avanti con le toppe che alla prima pioggia consistente si sgretolano lasciando buche su buche. Ciononostante, pur guardandosi in giro, è difficile vedere i segni evidenti di questa crisi strutturale. Almeno per ora.

    RispondiElimina
  3. Il problema del pensiero umano e' che se si cerca di agire per tempo, lo si fa cercando di cambiare l'inerzia di una situazione che viene vista come priva di problemi, mentre se si cerca di agire quando ci sono i problemi, e' ormai potrebbe essere troppo tardi.
    Sappiamo insomma riegire bene ai problemi, ma questi problemi devono dare tempo a sufficienza per reagire, senno' siamo cotti.

    Siamo in grave ritardo per approcciare il problema e rimanere come siamo. Siamo dunque diretti verso un futuri molto dissestato e doloroso. Quanto dissestato e doloroso solo Dio lo sa, ma temo che sia peggio di quello che si possa immaginare, visto che siamo pieni di atomiche e che in futuro governi disperati non ne mancheranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. risolvere il probelma facendo meno figli mi pare una eresia, già in europa stiamo facendo del nostro meglio per definire una famiglia normale l'insieme di due uomini....
      E' la natura stessa che ci limiterà probabilmente. Fermare un treno in corsa non è possibile a meno di uno schianto.

      Elimina
    2. Pienamente d'accordo con Phitio e Daniele. Ho i brividi...

      Elimina
  4. l'analisi dei pannelli solari e delle turbine eoliche mi sembra un tantinello esagerata. . i pannelli durano anche piu' di 30 anni , capisco le batterie ma gli inverter non sono questo enorme problema. il settore fotovoltaico ed eolico tirera' a tutta birra e dara' energia a chi lo avra' installato e lo stesso varra' per l'idroelettrico. perche' la tecnologia dovrebbe crollare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fotovoltaico produce più energia quando ne hai meno bisogno ( 21 giugno ) e meno energia quando ne hai più bisogno ( 21 dicembre ). L'idroelettrico bisagna fare le dighe e per costruirle ci vuole molta energia. Per il nord italia potrebbe essere fattibile mentre per le altre zone?????

      Elimina
    2. Temo che servirà molta più energia in estate (per i condizionatori) che in inverno (specie se mite come quest'ultimo)...

      Elimina
  5. ma se non possiamo fermare il treno prima dello schianto, non ci sono soluzioni valide e non possiamo fare proprio nulla, allora mi spiegate che cosa ci facciamo qui a rigirare intorno al problema?? E' da masochisti stare a logorarsi per quel poco di tempo che abbiamo a dispisizione, sapendo che siamo finiti, bene che ci vada. Allora, tanto vale pensare al suicidio.??....o no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che la vera Natura dell'uomo sia buona e collaborativa, e che le nostre brutture ed egoismi derivino dalle sofferenze che non siamo stati in grado di riciclare, e che ci sono rimaste dentro come un rifiuto;
      quello che spero, e che mi fa guardare con curiosità al futuro, è l'immagine di un'umanità che supera le proprie barriere autocostruite, per aiutarsi in quanto parte di una unica esistenza, come specie e come pianeta vivente (non si offendano gli alieni, anche loro se esistono.. ahah)
      però potessi scegliere non sarei sulla Terra in quest'epoca, questo no..

      Elimina
    2. Io penso che lo schianto sia inevitabile:
      non abbiamo abbastanza tempo per fermarci ma possiamo rallentare e ridurre la gravità dell'impatto.

      Elimina
  6. e' quello che penso anch'io..
    in effetti stare qui a ricordarci tutti insieme quanto siamo messi male, con prove sempre più schiaccianti e da vari punti di vista, è solo macabro compiacimento se non affiancato a ogni sforzo possibile:
    - per diffondere questa consapevolezza (punto di inizio, e questo blog è perfetto in questo), e poi
    - per trovare e diffondere modi per rendere l'impatto meno catastrofico (per esempio diventare il più indipendenti possibile dal sistema, acquisendo informazioni almeno teoriche su tecniche di coltivazione, costruzione, potabilizzazione, ecc prima del collasso dell'informazione);
    - nel frattempo, fare rete, come stiamo facendo qui, perchè sono convinto che senza uno spirito di collaborazione e altruismo perderemmo non solo le nostre Vite, ma una cosa ancora più importante, il Senso delle nostre Vite;

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voleva essere la risposta a Mauro, ho sbagliato il pulsante scusate

      Elimina
    2. Consumare meglio per consumare di meno.
      E pensare che nel mio piccolo ho fatto un grande lavoro.
      Un motore da 150 km litro, ma è difficile da costruire senza risorse e macchinari di precisione.

      Elimina