Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


giovedì 3 ottobre 2013

Che succede a Fukushima?

Ci sono notizie contradditorie che arrivano da Fukushima. Per alcuni, si parla addirittura di un "rischio apocalisse", per altri invece il problema è serio ma non va nemmeno esagerato. Su questa vicenda, conviene consultare il blog di Marco Casolino che vive in Giappone e che fornisce spesso informazioni aggiornate sulla vicenda. Per un riassunto della situazione, ecco un articolo della BBC apparso il mese scorso.


Il livello di radiazioni tocca un nuovo picco vicino alle cisterne d'acqua di Fukushima

Da “BBC News”. Traduzione di MR

La Tepco fa fronte a una grande sfida per stoccare in sicurezza l'acqua contaminata di Fukushima

I livelli di radiazione intorno alle cisterne che contengono l'acqua contaminata nella centrale nucleare danneggiata di Fukushima in Giappone, sono saliti di un quinto raggiungendo un nuovo massimo, dicono i funzionari.

Le letture di terra vicino ad un gruppo di cisterne si è attestato a 2.200 millisievert (mSv) martedì, hanno detto il responsabile dell'impianto e l'autorità nucleare giapponese. Le letture di sabato erano di 1.800 mSv. Il mese scorso, il responsabile dell'impianto, Tokyo Electric Power Company (Tepco), ha detto di aver trovato acqua fortemente contaminata che usciva da un cisterna di stoccaggio. Altre perdite sono state segnalate, spingendo martedì il governo giapponese a promettere 47 milioni di yen (473 milioni di dollari, 303 milioni di sterline) in fondi per affrontare il problema. Il picco dei livelli di radiazione riscontrati martedì erano nella stessa area dove erano stati riscontrati i 1.800 mSv sabato scorso, ha detto una portavoce di Tepco a Bloomberg. Si pensa che le letture siano sufficientemente alte da fornire una dose di radiazioni letale a chiunque si trovi vicino alle aree contaminate senza dispositivi di protezione in poche ore. Ma l'Autorità per la Regolamentazione Nucleare giapponese ha anche detto che le aree sono state facilmente contenute.



'Misure drastiche'

Il terremoto e lo tsunami del marzo 2011 hanno messo fuori uso i sistemi di raffreddamento dei reattori nella centrale di Fukushima, tre dei quali si sono fusi. Ora l'acqua viene pompata dentro per raffreddare i reattori, ma stoccare le grandi quantità di acqua radioattiva risultanti si è rivelata una sfida per Tepco. Il processo crea una quantità extra di acqua contaminata di 400 tonnellate ogni giorno, che dev'essere stoccata in cisterne temporanee. Ma le perdite di acqua contaminata, dalle cisterne, dai tbi e attraverso le strutture danneggiate, sono state un problema persistente. Anche l'acqua di falda scorre giù dalle colline circostanti fin dentro alle aree radioattive. Sotto il piano del governo annunciato martedì, verrà creato un muro di acqua congelata intorno ai reattori usando tubi pieni di refrigerante. Ciò mira ad evitare che l'acqua di falda venga a contatto con l'acqua contaminata che viene usata per raffreddare le barre di combustibile.

Anche il sistema di trattamento delle acqua verrebbe aggiornato per far fronte all'accumulo di acqua contaminata, dicono i funzionari. Mercoledì, il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe ha detto ai giornalisti a Tokyo che il governo era intenzionato a “prendere misure drastiche su grande scala” per risolvere il problema prima dei Giochi Olimpici dell'estate 2020. “Siamo consapevoli delle preoccupazioni riguardo al problema delle perdite d'acqua contaminata a Fukushima, il governo si farà carico e risolverà assolutamente il problema”, ha detto. Tokyo è candidata come nazione per ospitare le Olimpiadi e la decisione è attasa a giorni.


4 commenti:

  1. Prima di tutto un sito molto buono che ha coperto il caso fukushima fin dall'inizio, ed è guidato da un esperto di installazioni nucleari.
    www.fairewinds.com

    Secondo questo esperto lo stoccaggio in cisterne raccoglie solo metà dell'acqua contaminata giornaliera che finisce in oceano. Ha detto che ben presto lo stoccaggio in cisterna diverrà ingestibile dato che il tempo di vita medio di tali cisterne e' tre anni. Ha anche detto che il metodo del muro freddo e' inconcludente, poiché l'acqua non farebbe altro che accumularsi sotterraneamente per qualche tempo, e poi tracimerebbe di nuovo e saremmo daccapo. Con in più un lago radioattivo sotterraneo, aggiungo io. La realtà dei fatti e' che questa catastrofe non è' gestibile ne contenibile senza uno sforzo congiunto internazionale molto serio. I tempi di intervento superano i trenta anni, ed il peak oil sta segando le gambe economiche di tutta la baracca.

    RispondiElimina
  2. una bella bombetta nucleare, hanno detto all'inizio i russi, risolverebbe tutti i problemi. Prima o poi dovranno farlo o lo farà chi ha i missili balistici, se non vogliamo la fine del mondo.

    RispondiElimina
  3. Scusa scusa, ma in che modo una bomba nuclere risolverebbe il problema? Facendola deflagrare in mezzo alle macerie radioattive e quindi spargendole per tutto il mondo? Aprendo un cratere atomico? E pensi forse che il fuoco atomico "disattivi" la radioattivita'? O inscatoli tutto il cesio in una gemma?

    Ma che scemenza e', questa della bomba? O e' una barzelletta?

    RispondiElimina
  4. Fukushima purtroppo è gia sulle nostre tavole da un pezzo...pesce, carne, oggetti...dal 2011 sono passati ormai 2 anni, nei quali le correnti marine hanno percorso il loro ciclo, portando nelle nostre bancherelle tutto quanto di più contaminato sia esistito dopo Chernobyl..

    RispondiElimina