Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


venerdì 2 agosto 2013

Siamo tutti negazionisti climatici

Praticamente tutti noi minimizziamo o cerchiamo di far apparire normali gli enormi problemi climatici che abbiamo

Di Mary Pipher 15 luglio 2013

Da “Time Ideas”. Traduzione di MR


Vista aerea degli edifici che emergono dai fumi che ammantano Wuhan, nella provincia centrale cinese di Hubei, il 3 dicembre 2009. AFP / GETTY IMAGES


Una volta mentre ero in un aeroporto, un tale ha notato che stavo leggendo “Caldo: vivere nei prossimi cinquanta anni sulla Terra.” Si è affacciato per leggere e ha detto con tono cospiratorio: “lo sa che sono cazzate allarmiste?”. Gli ho chiesto: “Non pensa che il clima del mondo stia cambiando?” “I cambiamenti sono parte di un ciclo naturale. La CO2 non riscalda l'atmosfera, Il sole scalda la terra”, ha replicato. Quando gli ho chiesto cosa pensava che sarebbe successo nei prossimi secoli, ha risposto: “Penso che il sole tornerà a raffreddarsi e tutto andrà bene alla fine”. Ho rispettosamente dissentito e me ne sono andata velocemente a prendermi un panino. Ho imparato a non discutere troppo a lungo con persone che non “credono” nel cambiamento climatico antropogenico. Penso che sia impossibile far ragionare qualcuno al di fuori di una posizione sulla quale lui stesso non ha ragionato. Ma il fatto è che persino coloro fra noi che credono che il cambiamento climatico si generato dall'uomo sono parzialmente negazionisti per quanto riguarda gli enormi problemi globali e quasi ognuno di noi minimizza o cerca di far apparire normale la situazione.

(In aggiunta: Mi scusi, ma la copertina del TIME non ha previsto l'arrivo di un'era glaciale? - vedete anche qui)

Il nostro negazionismo è comprensibile. La nostra specie non è attrezzata per rispondere alle minacce poste dal riscaldamento globale. Gli esseri umani sono fatti per trovare cibo e riparo, per riprodursi e per godere gli uni degli altri. Siamo geneticamente programmati per reagire alle minacce scappando o combattendo e, inizialmente, la nostra crisi ambientale non sembra permetterci di fare né l'una né l'altra cosa. Siamo più bravi ad affrontare problemi concreti, a portata di mano, familiari e che richiedono capacità e strumenti di cui siamo già in possesso. La nostra tempesta globale è invisibile, senza precedenti, prolungata e causata da ognuno di noi. Noi abbiamo sistemi di eccitazione del Paleolitico, cervelli Neolitici, istituzioni medievali e una tecnologia del ventunesimo secolo – non un buon mix per risolvere i nostri problemi climatici. E così ci sentiamo paralizzati e il nostro credere di essere impotenti può diventare una profezia che si autoavvera. In una crisi che sembra impossibile da affrontare, ma troppo spaventosa da ignorare, molta gente vive in uno stato che lo psicologo Stanley Cohen chiama “ignoranza volontaria”. Sappiamo e non sappiamo cosa succede. Ma, per dichiarare l'ovvio, non possiamo risolvere un problema che non affronteremo. Gregory Bateson ha detto: “L'unità di sopravvivenza è composta dall'organismo e dal suo ambiente”. La nostra sopravvivenza dipende dalla nostra capacità di riconoscere, discutere ed affrontare la realtà. Una volta che affrontiamo la nostra situazione, possiamo fare progressi in un ciclo di guarigione che parte dalla consapevolezza verso l'azione. E l'azione, specialmente in collaborazione con altri, può essere l'antidoto alla disperazione.

(In aggiunta: I cambiamenti climatici possono rendere più forti gli uragani – e più frequenti)

Quando i problemi ci sembrano troppo grandi, la soluzione è di crescere di più. Naturalmente, ci saranno sempre alcuni negazionisti climatici, ma sempre più di noi si stanno rendendo conto che o sopravviveremo tutti o non sopravviverà nessuno. Lo scorso febbraio, in un giorno freddo e ventoso a Washington D.C., 40.000 persone si sono unite nella più grande azione ambientale nella storia della nostra nazione. Naturalmente, anche con l'azione collettiva, non sappiamo con sicurezza cosa accadrà al pianeta. Ma sappiamo cosa accadrà a noi quando agiremo. Ci sentiremo più vivi, forti e connessi. E saremo più fiduciosi, perché la speranza viene dall'agire in modi significativi verso gli obbiettivi che ci stanno più a cuore.


7 commenti:

  1. ...Bene bene..il peak everyhting non credo colpira la psiche della donna ed uomo in egual modo...ad esempio l autrice dice o sopravviveremo tutti o non sopravviverà nessuno...esattamente il contrario senza un adeguta scrematura, sopravviveremo in molti meno e soprattutto in un pianeta meno ricco biologicamente...la questione e salvare quante pi specie possibile, non negare l assoluta dannosita ad esempio dell agricoltura nelle foreste pluviali disboscate, o meglio nel permettere le coltivazioni dove prima c era la foresta pluviale...li servono i kalashnikov a guardia degli alberi..nei confronti dei reati ambientali, anche dalle nostre parti, vedi uccisione di un orso nel parco d abruzzo, e ora di istituire un pena allargata ai familiari diretti come in neanderthal parallax, soprattutto con pena capitale che ha un senso escludere per i reati verso altri uomii ma non verso l ecosistema..altro tema che sarebbe interessante sviluppare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco,ma cosa hai voluto dire ?Non l'ho capito.
      Soggetto, predicato,complemento.Non è difficile.
      Felice Celestino

      Elimina
  2. ogni affermazione di verità in contrasto con gli interessi dei potenti ha sempre generato persecuzione prima , azioni violente poi. E' successo a Gesù, sta succedendo ora con la persecuzione all'informazione libera con leggi ad hoc, con motivazioni liberticide camuffate da moralismo. Come dicevo nel post precedente, questi prepotenti padroni del mondo continueranno nella loro demoniaca opera distruttiva finchè le loro stesse guardie del corpo li abbandoneranno alla furia del popolo, ma ho paura che per l'umanità a quel punto sarà già arrivato il punto di non ritorno.

    RispondiElimina
  3. E se , invece di "Quando i problemi ci sembrano troppo grandi, la soluzione è di crescere di più. Naturalmente, ci saranno sempre alcuni negazionisti climatici, ma sempre più di noi si stanno rendendo conto che o sopravviveremo tutti o non sopravviverà nessuno" la situazione EVOLVESSE al peggio con il potere nelle mani di pochissimi , si assisterebbe alla nuova edizione dell'ARCA di NOÈ ? A quel punto TUTTO sarebbe inutile e gli allarmi e gli appelli aiuterebbero solo NOÈ , non noi comuni mortali

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. L'autrice ha fatto bene a non discutere troppo con quel "tonto" che cita nell'articolo. E' perfettamente inutile discutere con chi ha convinzioni preconfezionate; uno di questi è persino "l'emerito" prof. A. Zichicchi, che afferma che il cambiamento globale è una balla colossale... forse, in merito, gli avrà telefonato il Padre Eterno in persona, visto che lui si definisce un fervido credente praticante. http://www.rimedioevo.blogspot.it/2013/07/emerito.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece un umile frate missionario era molto preoccupato deela distruzione del creato, ma, ahimè, ora abbiamo un papa alla Woytila, mediatico ed amante dei bagni oceanici di folla. Se solo si rendessero conto di quanta energia sprecano a far muovere milioni di persone a giro per il globo per la vanità dell'apparire, "ma alla dei tempi, quando tornerà il Cristo, troverà forse ancora la fede in Lui sulla terra". Mi pare sia una frase evangelica......

      Elimina