Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


martedì 30 ottobre 2012

Nel frattempo, in Antartide......


Di Ben Cubby

Da “The Age”. Traduzione di Massimiliano Rupalti.



Un Iceberg si stacca dalla costa di Knox in Antartide. Foto: Reuters


Secondo uno studio di riferimento che ha usato i satelliti per “pesare” le vaste terre emerse, l'Antartide sta perdendo 190 milioni di tonnellate di ghiaccio al giorno. Anche se parti dell'Antartide dell'est stiano crescendo, i ghiacciai nell'Antartide occidentale si stanno fondendo più velocemente, portando così ad una perdita netta di ghiaccio nel continente, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Nature. “Siamo sicuri che la copertura di ghiaccio si stia riducendo e lungo la costa del Mare di Amudsen il ritmo sta accelerando”, ha detto il capo ricercatore Professor Matt King dell'Università della Tasmania. La rapida fusione in alcune parti del continente viene parzialmente compensata da forti nevicate altrove, il che significa che la perdita netta di ghiaccio è di circa 69 milioni di tonnellate. Studi precedenti erano riusciti a mappare accuratamente le terre emerse sotto gran parte dell'enorme piattaforma di ghiaccio dell'Antartide e questa conoscenza è cruciale per misurare lo spessore del ghiaccio.

Mentre il ghiaccio fonde, le stesse terre emerse si alzano gradualmente a un ritmo di 2 millimetri all'anno, come una torta che si cuoce lentamente nel forno. “E' come se steste in piedi su una spiaggia con della sabbia bagnata e spostate il piede, l'impronta scompare molto rapidamente, essa torna al suo posto”, ha detto il Professor King. La risposta è stata un nuovo modello analitico che era in grado di mettere insieme i dati satellitari con le osservazioni sul posto, riguardo alla fusione del ghiaccio e al sollevamento del terreno, ed ha rivisto verso il basso la velocità di sollevamento dello stesso. Lo studio fa un uso unico dei dati satellitari, dal progetto noto come GRACE, acronimo di  Gravity Recovery and Climate Experiment (Recupero della Gravità ed Esperimento Climatico). Satelliti gemelli orbitano sulla Terra a 220 chilometri di distanza fra loro e a 500 chilometri dalla superficie. Mentre orbitano, dei piccoli cambiamenti nella massa terrestre sotto di loro condizionano la loro posizione relativa fra di loro. Sono equipaggiati con strumenti sensibili al punto di misurare un cambiamento di distanza di circa 10 micrometri, circa un decimo dello spessore di un capello umano.


Accoppiati con sistemi di posizionamento globale, i satelliti possono rimandare indietro informazioni dettagliate sulla gravità terrestre e quindi delle sue terre emerse, anche quando la superficie del pianeta si trova nascosta in profondità sotto il ghiaccio. Un risultato delle scoperte è che la fusione del ghiaccio in Antartide non contribuisce molto all'aumento del livello globale dei mari così come presumevano alcuni altri studi. Mentre il continente contiene sufficiente acqua ghiacciata da far salire il livello dei mari di 59 metri, se si dovesse fondere tutta, le scoperte mostrano che al momento esse contribuiscono per meno di un millimetro all'anno. Il Professor King ha detto che le scoperte hanno mostrato che i livelli del mare erano già saliti più velocemente di quanto non avessero fatto per secoli senza gran parte dell'acqua extra della calotta di ghiaccio dell'Antartide. “La fusione in alcune aree chiave ha accelerato fra il 2006 e il 2010, quando lo studio si è concluso”, ha detto. “Quindi, esso mostra che c'è da attendersi che l'aumento del livello del mare cambi piuttosto nettamente se il tasso di fusione continua ad aumentare, al di là di quanto sta già accadendo”.



lunedì 29 ottobre 2012

Il Potere delle Leggende

Da “Cassandra's Legacy”. Traduzione di Massimiliano Rupalti


Negli ultimi anni, Ryanair è stata oggetto di diverse voci, compresa quella secondo la quale i passeggeri dovessero pagare per l'uso dei bagni, che c'erano voli in cui si stava in piedi, che avrebbe chiesto un extra per i passeggeri grassi, che ripara i propri aerei col nastro adesivo ed altro. Molto probabilmente, fa tutto parte di una campagna pubblicitaria che ha l'obbiettivo di creare interesse intorno alla compagnia, ma illustra anche il potere delle leggende sulla mente umana. (Immagine sopra dalla CNN).


Pochi giorni fa, seduto a tavola con alcuni amici al ristorante, stavamo parlando del più e del meno, quando è venuto fuori il soggetto di quanto i viaggi in aereo siano diventati affollati e scomodi. Una delle mie amiche, che sedeva di fianco a me, ha detto: “e, sai, ti faranno anche fare il viaggio in piedi!” Ho pensato che stesse scherzando, ma mi sono reso conto in fretta che non era così. Credeva realmente che le compagnie aerea stessero pianificando di trasformare gli aerei in vagoni della metro con le ali. 

A quel punto ho fatto il mio errore quotidiano (sembra che io abbia un blocchetto di biglietti per le gaffe sociali, a volte penso di doverne obliterare almeno uno al giorno). Le ho detto che la storia della gente che viaggia in piedi negli aerei è ovviamente una leggenda, una montatura pubblicitaria destinata a creare interesse verso la compagnia aerea che l'ha creata. Ho aggiunto che mi sorprende sempre che la gente cada così facilmente in questo tipo di raggiro. Come potete immaginare, è stato un errore. Lei si è irrigidita e ha detto, con rabbia, che era sicura che fosse vero. Ho provato a rimediare come potevo ma era troppo tardi. Penso che se ne sia andata a casa ancora arrabbiata con me e ancora convinta che il suo prossimo viaggio aereo lo avrebbe fatto in piedi, probabilmente aggrappata ad una maniglia appesa al soffitto. Questo mi è valso l'obliterazione di almeno cinque biglietti per le gaffe. 

Ora, questa mia amica è bionda, ma non è una bionda stupida. E' un'avvocatessa cinquantenne, in ogni modo una persona intelligente che, nel suo lavoro, non sarebbe facile da prendere in giro. Ma non è certo un caso eccezionale nel cadere nella trappola delle leggende. Avrei altri esempi e di sicuro ognuno di noi ha avuto esperienze simili. Gente normale, intelligente, che cade in pieno nelle leggende chiaramente assurde. E' ciò che ho chiamato “l'Effetto Anti-Cassandra”, credere l'incredibile. 

La leggenda dei voli in piedi è sostanzialmente innocua, così come le altre che circondano la Ryanair. Probabilmente, l'idea di diffonderla è che i passeggeri si sentiranno privilegiati quando saliranno a bordo e scopriranno di avere in realtà una poltroncina! Il problema è, ovviamente, quando la stessa sconnessione dalla realtà avviene per temi che comportano un vero pericolo. Il cambiamento climatico ne è un esempio classico e in questo campo trovate le leggende più assurde che prendono piede con incredibile forza. Ne conoscete degli esempi: la Groenlandia era senza ghiaccio al tempo dei Vichinghi, Marte e Giove si stanno scaldando, negli anni 70 si diceva che sarebbe arrivata un'era glaciale, che gli scienziati avrebbero confessato di aver falsificato i dati e molti altri. 

Ora, immaginate di ascoltare una di queste leggende sul clima raccontata da un vostro amico che crede che sia vera. Come reagireste? Semplicemente dicendogli o dicendole che è una leggenda ed è ovviamente falsa non funzionerebbe. La reazione sarebbe, molto probabilmente, la stessa che ha avuto la mia amica per la leggenda dei voli in piedi. Quindi, credo che con le leggende del clima noi (intendendo con noi gli scienziati e gli addetti ai lavori) abbiamo fatto lo stesso errore. Non è sufficiente dire alla gente che le loro credenze sul cambiamento climatico sono incompatibili con la realtà fisica. Fare questo li farebbe solo arrabbiare e chiudersi ancora di più nelle proprie credenze. Gli scienziati, infatti, sembrano essere stati capaci di obliterare un numero enorme di biglietti per gaffe nel tentativo di trasmettere il messaggio che il cambiamento climatico è reale e che è urgente fare qualcosa per questo.  

Ma ora riusciamo a dire alle persone che le leggende climatiche sono leggende senza urtare la loro sensibilità? Con un amico forse puoi gentilmente condurlo (o condurla) ad imparare qualcosa sul clima. Ma avere a che fare con la stampa e con il Web è molto più difficile sicuramente avete esperienza di cosa succede quando la discussione si scalda. Quindi cosa facciamo? Forse dovremmo chiedere all'agenzia pubblicitaria di Ryanair. Oppure avete qualche suggerimento?





giovedì 25 ottobre 2012

Le Guerre della Fame


Da “The Oil Crash”. Traduzione di Massimiliano Rupalti


Link all'immagine. Il cartello dice: “Non possiamo dar da mangiare ai poveri ma possiamo finanziare una guerra?”

Di Antonio Turiel

Cari lettori,
C'è una paura che mi tormenta da qualche mese. Be', più che paura è una certezza. La certezza che stiamo vivendo gli ultimi mesi prima di uno scoppio su scala planetaria, nel quale le varie contraddizioni del nostro sistema economico e di sfruttamento delle risorse non potranno essere aggirate o evitate ulteriormente e che esploderanno in tutta la loro intensità, facendo sì che la discesa del lato destro della curva di Hubbert sia più brusco di quanto non ci eravamo prefigurati inizialmente. Varie crisi si stanno sviluppando proprio ora, ma la nostra attenzione è ferma alla crisi economica che ognuno di noi vive nel proprio paese (senza vedere che tutti i paesi sono in una situazione simile), mentre i nostri mezzi di comunicazione hanno occhi praticamente solo per la crisi finanziaria (visto che questa è quella che interessa al grande capitale, il quale è, in ultima analisi, colui che possiede e finanzia questi media). E tutte le crisi che si stanno sviluppando passano totalmente inosservate, quando in realtà sono più collegate di quanto pensiamo alle nostre preoccupazioni più prossime. Di tutte queste altre crisi ignorate, oggi ne prenderò tre che formano una filo logico dalle implicazioni minacciose per il nostro futuro: la crisi energetica, la crisi climatica (che incide nel problema dell'acqua) e la crisi alimentare. 

Non parlerò qui un'altra volta della crisi energetica, perlomeno non di per sé stessa. Praticamente tutto il blog è dedicato a questo tema ed i lettori abituali conoscono già gli aspetti fondamentali della stessa (e per i nuovi lettori raccomando la lettura del prontuario sul picco del petrolio ed il post "Messaggio in Bottiglia”). Da queste parti sappiamo già che, a causa della connessione fra economia ed energia e al fatto che siamo sull'uscio di un declino energetico duro, questa crisi non finirà mai

Altra crisi di cui ho parlato di tanto in tanto è quella ambientale e in particolare gli aspetti legati al cambiamento climatico. Non è il tema di questo blog (se volete un'informazione ampia e rigorosa su questo tema, il mio personale blog di riferimento è Usted no se lo cree). Ci sono sempre più indizi che gli effetti dei cambiamento climatici su scala globale associati all'attività umana si stiano amplificando ed accelerando. In questo senso quest'estate è stato prodiga di tali effetti. All'inizio di luglio abbiamo appreso che la calotta di superficie del ghiaccio di praticamente tutta la Groenlandia si era fusa in circa 4 giorni (vedete le mappe della superficie colpita dalla fusione superficiale dai giorni 8-12 luglio):


Numerosi media hanno dato questa notizia, anche se gli errori di comunicazioni sono stati abbondanti. Così, in alcuni media si è detto che tutta la Groenlandia si era fusa (cosa assurda, perché il livello dell'acqua del mare sarebbe salito immediatamente di 7 metri) e in altri, più controllati, che questa calotta fusa fosse finita tutta in mare (in realtà, la maggior parte si è ricongelata sul posto). Questo ha fomentato alcuni elementi del negazionismo climatico a dispiegare la propria artiglieria e, non potendo negare i dati (vengono direttamente dalle osservazioni della NASA), hanno affermato che quel tipo di fenomeni avvengono regolarmente ed hanno insinuato che tali effetti siano normali , visto che qualcosa di simile è già successo 123 anni fa (basandosi sulla nota della NASA secondo la quale non si era visto niente di simile in 123 anni).

In realtà, le prime osservazioni (ovviamente in situ e non da satellite a quell'epoca) datano a 123 anni fa, quindi l'affermazione della NASA significa che non ci sono registrazioni storiche di un disgelo di questa portata. Di fatto, è facile dedurre che era molto tempo, come minimo dei secoli, che non si era verificata una cosa simile, semplicemente vedendo l'effetto causato dalla piccola parte di acqua che ha raggiunto i fiumi. Suppongo che negli annali della Groenlandia debbano avere le registrazioni delle alluvioni che si sono portate via i ponti...

La questione del disgelo superficiale in Groenlandia non è un problema minore. Durante le ore o i giorni in cui la calotta superficiale era liquida è rimasto esposto il ghiaccio più antico, che è di colore scuro e assorbe di più la radiazione solare, e quindi esso stesso si sarà in parte fuso. Una parte di quell'acqua sarà filtrata fino alla roccia (che si trova a circa 2000 metri al di sotto della superficie del ghiaccio, tale è lo spessore medio della calotta) e lì contribuirà ad aumentare i bacini d'acqua che lubrificano il movimento delle lingue di ghiaccio, accelerando la caduta di iceberg in mare. Inoltre, si saranno create più fratture nel manto ghiacciato. Insomma, il collasso della calotta di ghiaccio della Groenlandia ha accelerato. Continua ad essere un processo lento, che richiederà secoli, ma questi eventi possono aver accorciato tale lasso di tempo in modo sensibile. 

Questa stessa estate l'estensione del ghiaccio artico ha raggiunto il minimo storico. Guardate il seguente grafico, scaricato dal sito del National Snow and Ice Data Center:


Quello che vedete sono i grafici dell'area occupata dalla calotta di ghiaccio che galleggia sull'oceano Artico. La curva nera continua rappresenta la media 1979-2000. la fascia grigia che la circonda ci da un'idea della variabilità di quella superficie durante quei 21 anni (in quel periodo ci sono stati anni con maggiore o minore disgelo della media rappresentata dalla curva nera e la fascia grigia delle differenze di quel periodo). Naturalmente, ogni anno l'estensione del ghiaccio è minore in estate nell'emisfero nord e maggiore durante l'inverno. La curva tratteggiata rappresenta l'anno peggiore mai registrato: il 2007. Durante quell'anno, una serie di fattori climatici avversi ed alcune coincidenze hanno fatto sì che la calotta glaciale artica si riducesse a livelli mai visti. La curva azzurra rappresenta l'evoluzione di quella superficie di quest'anno. Quest'anno non ci sono stati tali fattori climatici, ama anche così la copertura di ghiaccio si è ridotta ancora di più che nel 2007. Si sospetta che il ghiaccio artico sia sempre più giovane e sottile. Se il processo continua nella sua progressione, nel peggiore degli scenari possibili, potremmo vedere l'Artico libero dal ghiaccio in un'estate introno al 2020. 

A parte questi fenomeni tanto estremi, c'è stata una moltitudine di altri fenomeni che indicano un aggravamento della indesiderabile tendenza al riscaldamento. Questi altri fenomeni, presi isolatamente, non sono di per sé segni inequivocabili del cambiamento climatico antropogenico, ma la loro associazione lo rende più verosimile, visto che sono il tipo di cose che dovrebbero succedere come corollario: ripetute ondate di calore in Europa e Spagna, siccità in ampie zone degli Stati Uniti e d'Europa (Spagna inclusa), ecc. Altri effetti meno direttamente in relazione al cambiamento climatico dovrebbero anche verificarsi. Per esempio, il progressivo disgelo dell'Artico debilita la circolazione del ramo nord della Circolazione Termoalina oceanica, che farà sì che in Europa arrivi meno caldo e umidità e che pertanto gli inverni tendono ad essere più secchi e freddi (e che di conseguenza il rendimento agricolo diminuisca). Per quello è preferibile parlare di “Cambiamento Climatico” e non di “Riscaldamento Globale”, perché anche se effettivamente la temperatura globale del pianeta stia aumentando e il pianeta nel suo complesso si stia riscaldando, il clima è il risultato di una risposta complessa con molti fattori ed in alcune zone si possono verificare, per effetti come quello descritto, fasi di raffreddamento relativo su scala regionale. 

Tutto questo non cambia la gravità del problema, ma data la costatata stupidità dell'essere umano nel comprendere i problemi su grande scala spaziale e temporale e il dispiegamento deciso da grandi gruppi di pressione di campagne negazioniste, è conveniente evitare che si confonda l'opinione pubblica con argomenti ridicoli e banalizzanti, tipo il cugino di Rajoy. Risulterebbe scioccante, non sapendo come funzionano queste cose, che proprio in questo anno in cui i segni del riscaldamento globale sono tanto evidenti si stia facendo in grande sforzo di propaganda per minimizzare i problemi e per confondere la popolazione. Anche se in realtà si ripetono sempre le stesse cose, in mancanza di altre migliori, mentre se ne abbandonano alcune che hanno fallito di fronte all'opinione pubblica (come l'affermazione che “i ghiacciai in realtà avanzano”). E si assicura, per esempio, che la “la variabilità climatica c'è sempre stata, sono effetti naturali”, ignorando il fatto che i registri paleocliamtici non mostrano mai un evento della grandezza attuale (il doppio di qualunque altro conosciuto) e velocità (decennni anziché secoli o millenni) e molto meno su scala globale, quando inoltre la variazione attuale si adatta perfettamente all'aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera. In previsione che la battaglia dell'Artico sia perduta, c'è anche una corrente negazionista che sostiene che al contrario va tutto bene in Antartide, al punto che la superficie del mare ricoperta dal ghiaccio aumenta nell'emisfero sud. E sì, aumento, ma nella stessa misura in cui il volume di ghiaccio continentale diminuisce (in pratica si vede come positivo il fatto che l'oceano Antartico sia pieno di iceberg risultato del disgelo accelerato dell'Antartide). Senza contare che il ghiaccio che cade in mare è sempre più antico.

Nessuno è sicuro con quale velocità si svilupperanno gli effetti peggiori del cambiamento climatico, tant'è che persino la stessa IEA ha riconosciuto, nel suo rapporto annuale, che addirittura nel 2015 potremmo superare un tipping point o punto di non ritorno. Tuttavia, è molto probabile che alcuni degli effetti più indesiderabili associati al cambiamento climatico si stiano già manifestando: Vorrei sottolinearne uno in particolare il cui potenziale destabilizzante per le società umane è molto grande: la crisi dell'Acqua potabile, altrimenti denominato picco dell'acqua (o peak water).

E' paradossale che in un pianeta la cui superficie è per più di 3 quarti ricoperto di acqua si possa parlare di picco dell'acqua. Naturalmente il problema non è che non ci sia sufficiente acqua, ma che ci sia sufficiente acqua potabile per soddisfare le necessità umane. L'acqua è una risorsa rinnovabile, ma alcune risorse rinnovabili hanno tasso massimo di estrazione a partire dal quale si comportano come quelle non rinnovabili. A noi qui interessa un sottinsieme dell'acqua totale che è l'acqua potabile. Per essere potabile l'acqua deve rimanere incontaminata durante tutto il processo di accumulo naturale e inoltre bisogna rispettare il suo ritmo di recupero. Non facciamo niente di tutto ciò. Il nostro naturale disprezzo degli effetti dell'inquinamento industriale, unito alla nostra incapacità di gestire l'abbondanza e anche – seppur in misura minore – l'aumento della popolazione, ci ha portato a questa situazione curiosa in cui molti paesi si vedono minacciati da problemi legati alla mancanza d'acqua (potete vederne alcuni esempio a questo link). Di tutto l'ammasso di miseria globale che provoca la perdita di accesso ad un tale prezioso liquido, voglio concentrarmi su due paesi che saranno determinanti per il nostro futuro: Arabia Saudita e Stati Uniti. 

In Arabia Saudita, che lo crediate o no, il picco di fornitura dell'acqua dolce è stato raggiunto all'inizio degli anni 90 (come mostra questo grafico proveniente da wikipedia):


L'Arabia Saudita ha compensato questa diminuzione utilizzando acqua desalinizzata, al punto che attualmente rappresenta il 50% del consumo d'acqua del paese. Questi desalinizzatori usano molta energia elettrica, che in questo paese viene prodotta principalmente consumando petrolio e gas, vista la loro grande disponibilità, anche se questo fa sì che il consumo interno di petrolio stia accelerando, come mostra il grafico seguente ottenuto usando gli strumenti di Flujos de Energía:


L'inarrestabile aumento del consumo interno saudita sta portanto alla conclusione molto allarmante che il paese smetterà di esportare petrolio verso il 2030 (argomento dal quale si deducono molte altre conclusioni poco gradevoli  e alle quali torneremo in un prossimo post). L'altra grande fonte d'acqua in Arabia Saudita sono le sue falde acquifere, dalle quali l'Arabia Saudita è stata dipendente per anni, anche se sembra incredibile per un paese desertico, per produrre il proprio grano e persino per esportarlo. Naturalmente tale delirio non poteva continuare per sempre (al ritmo di sfruttamento di qualche anno fa, le falde acquifere si esaurirebbero questo stesso anno) e l'Arabia Saudita ha dovuto cambiare radicalmente la sua politica agraria, importando attualmente il 100% degli alimenti che consuma. 

Disgraziatamente, l'Arabia Saudita ha bisogno di acqua per qualcosa in più che il consumo umano e agricolo: per mantenere la sua produzione di petrolio, una connessione che molte volte viene deliberatamente ignorata ma che diventa cruciale quando si parla di pozzi molto vecchi che posso mantenere i loro livelli produttivi soltanto iniettando continuamente vapore acqueo in pressione (e questo fa sì che dall'allora grandioso Gawhar ora esca più acqua che petrolio). Prova del gigantesco sforzo che sta facendo l'Arabia Saudita per mantenere la produzione di questo vecchio giacimento petrolifero è questa mappa di sfruttamento che ho tratto dal link precedente:

Mappa presa dal sito The Oil Drum, http://theoildrum.com. I punti rossi rappresentano pozzi di estrazione di petrolio, con importanti ramificazioni (frattura orizzontale). Il perimetro di punti azzurri sono pozzi di controllo o di osservazione.


Tale ingente quantità di acqua potrà venire dai desalinizzatori, con un grande costo energetico ed aumentando il consumo del paese, nel caso dei giacimenti più vicini alla costa, ma dovrà necessariamente provenire dalla falda acquifera per i pozzi più interni, fintanto che il suo livello non si abbassi troppo, e quando questo succede dovrà essere pompata dalla costa. Naturalmente non è indispensabile usare acqua dolce, si può usare anche quella salata direttamente, ma questo aumenta la corrosione e la formazione di depositi di sale che accorciano la vita utile delle installazioni e in alcuni casi accorciando la vita utile dei giacimenti stessi (per l'accumulo di sale negli strati profondi). Sommate a questo che il paese probabilmente sta diventando sempre più arido a causa del cambiamento climatico, quindi in un futuro per niente lontano tutta l'acqua per tutti gli usi dovrà provenire dal mare, con un aumento ingente di costi economici ed energetici. Ed ora ricordate che, come abbiamo già detto, gli enormi programmi di assistenza sociale che mantiene l'Arabia Saudita presuppongono un costo talmente grande che alla casa regnante saudita non consente che il prezzo del petrolio al barile scenda sotto i 90$ (il che significa oltre il limite che può permettersi l'economia mondiale, circa 80$). Tante difficoltà sommate in un solo posto fanno sì che il futuro dell'Arabia Saudita sia non solo incerto, ma estremamente pericoloso. Momento in cui un fattore fallisca, tutto il paese può crollare come un castello di carte.  

Negli Stati Uniti il problema del picco dell'acqua è ugualmente un tema centrale, come mostra l'importanza che gli hanno concesso i media. Anche gli Stati Uniti hanno le loro falde acquifere in via di esaurimento: la falda di Olgallala, un autentico mare sotterraneo che si stima contenga 313 chilometri cubici e dal quale dipende il 27% dell'irrigazione di quel paese. Tuttavia, ai ritmi di sfruttamento attuali, la falda potrebbe prosciugarsi, secondo le stime più pessimistiche, nei prossimi 20 anni. E se questo fosse poco, gli Stati uniti stanno affrontando la loro peggiore siccità dal Dust Bowl degli anni 30 (in realtà, ora gli indici sono peggiori di allora), come illustra la seguente mappa:


Anche negli Stati Uniti si rivela una connessione forte fra energia e uso dell'acqua. Negli Stati Uniti si presume che si sia riusciti ad aumentare la produzione di petrolio e invertire la tendenza degli ultimi decenni grazie all'apporto dei petroli non convenzionali, soprattutto i tanto pubblicizzati petroli di scisti, e che addirittura gli Stati Uniti potrebbero tornare ad essere un paese esportatore. Niente di più lontano dalla realtà, come ci mostra un'analisi di Gail Tverberg nel suo blog "Our finite world": in realtà, ciò che ha portato ad invertire la tendenza sono i scarsamente utili biocombustibili (in termini di energia netta). Le cose sono in realtà peggiori: i petroli di scisti sono quelli che permettono mascherare il fallimento dei gas di scisti (della cui produzione sono un sottoprodotto), ma solo se il prezzo del petrolio si mantiene elevato ed al costo di esportare miseria nel resto del mondo abusando del fatto che il dollaro è la moneta più accettata. Tenere in vita la chimera energetica ha inoltre un alto costo in termini di acqua: sistema di Fratturazione Idraulica usato per l'estrazione del petrolio e del gas di scisti richiede delle grandi quantità di acqua (secondo il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, da 1 a 3 barili d'acqua per ogni barile di petrolio), sottraendolo ad altri usi. Un altro problema conosciuto dello sfruttamento degli scisti è che il metodo della fratturazione idraulica inquina le falde acquifere con una gran quantità di sostanze tossiche ed inquinanti (ho sostituito il link originale con uno probabilmente più interessante per un pubblico italiano, ndT.). Questo problema, una volta generato, persisterà per molto tempo, ma non si manifesta immediatamente. In quelle zone dove si estende di più questa pratica, l'inquinamento del fracking sarà un fattore in più di degrado ambientale. La crisi di inquinamento del fracking si svilupperà negli Stati Uniti durante i prossimi decenni, il che è cruciale, vista la sua importanza nel mercato mondiale dei cereali. Ma su un lasso di tempo più breve, la grave siccità e le difficoltà di avere più acqua fossile (falde) negli Stati Uniti, uno dei più grandi produttori di cereali nel mondo, incide nel peggior modo possibile nella terza crisi di cui voglio parlare oggi, che è anche quella che con maggiore probabilità scatenerà un'ondata distruttiva globale a breve termine: la crisi alimentare. 

L'indice dei prezzi degli alimenti della FAO è un buon indicatore della carestia degli alimenti nel mondo. Questo indicatore si genera mettendo insieme il prezzo dei diversi alimenti chiave campionati nei vari paesi del mondo (in realtà nei principali mercati del mondo). Il grafico che segue ci mostra la sua evoluzione durante gli ultimi due decenni: 



L'indice dei prezzi degli alimenti della Fao è anormalmente alto dal primo picco del 2008, punto dal quale si sono scatenati disordini in decine di paesi. Nel 2011 è giunto al suo massimo storico (è una serie breve, comunque, visto che l'anno di riferimento è il 1990) e da allora è leggermente diminuito. Poco, in realtà, per i molti paesi la cui economia si sta sbriciolando rapidamente come conseguenza della nuova ondata di recessione. Ma il fatto è che in più ci si aspetta che il raccolto degli Stati uniti sia molto minore quest'anno a causa della siccità di cui parlavamo prima. Non è l'unica pressione sul mercato degli alimenti. A margine dei fattori locali (siccità anche in Europa, incendi in Russia, infestazioni in Africa...) c'è sempre la questione dei biocombustibili (ricordiamo che nel 2010 il 6,5% della produzione di cereali e l'8% della produzione di olio vegetale del mondo è stato destinato alla fabbricazione di biocombustibili). In un momento in cui i prezzi rimangono alti e minacciano di salire in qualsiasi momento, organizzazioni come Oxfam fanno un appello per placare la sete di biocombustibili dell'Occidente ed in particolare dell'Europa. Gli Stati Uniti non se ne stanno a margine di questo problema; negli anni scorsi il paese americano ha destinato il 43% della sua produzione di mais alla produzione di bioetanolo e se quest'anno provasse a mantenere la stessa quantità assoluta, la percentuale sarebbe maggiore, lasciando poco mais disponibile per altri usi (assurdo, visto che ha un EROEI ridicolo, nell'ordine di 1:1). Ed è così che i pezzi del macabro puzzle cominciano ad incastrarsi, in modo fatale per noi. Un recente studio del MIT ha scoperto una significativa correlazione fra gli alti prezzi del petrolio e lo scoppio di rivolte, come mostra il principale grafico del lavoro: 


Nel grafico ci sono, nell'asse temporale, gli episodi di rivolta in tutto il mondo, indipendentemente dalle sue cause apparenti. Questi episodi, segnati come linee tratteggiate rosse, si sovrappongono sul grafico dell'indice dei prezzi degli alimenti. Sappiamo già che l'esistenza di tale correlazioni non implica causalità (prezzi e rivolte possono, entrambi, corrispondere ad una terza causa o meglio possono esserci più cause che non sempre accadono contemporaneamente, ma nella serie data sì), anche se un tale collegamento sembra ragionevole. Tanto ragionevole che un quotidiano conservatore spagnolo ,ABC, si è fatto eco di questo studio e invoca la fame come causa più probabile delle attuali rivolte antiamericane nei paesi musulmani e di quelle degli anni passati. Quello che è realmente curioso è che questo studio del MIT ha quasi due anni. 

Nello stesso periodo in cui usciva lo studio del MIT ho scritto il post  “Rivolte della fame, anticamera del caos”. In quell'articolo andavo un po' oltre. Associavo alla cosiddetta Primavera Araba dell'inizio del 2011 con l'improvviso aumento dei prezzi degli alimenti, frutto dell'aumento del petrolio, visto che in Nord Africa ed in Medio Oriente sono molto dipendenti dall'importazione di alimenti, soprattutto da paesi con sistemi agricoli industriali, i quali consumano grandi quantità di energia, in particolare di petrolio (ricordate che secondo il professor David Pimentel, per ogni caloria di alimenti che arriva sul piatto di un occidentale sono state consumate 10 calorie di combustibili fossili). Da quello che vedo, ora si comincia a riconoscere che la causa immediata di queste rivolte non è l'arrivo di twitter, facebook o altre reti, né il logico desiderio di democrazia, ma una causa più banale e più forte della capacità di repressione dei governi: la fame. E' necessario comprendere il fatto che il nostro sistema economico e la sua struttura produttiva ci sta portando ad una situazione di carestia di alimenti  irrimediabile e sicuramente permanente, così come indica Jeremy Grantham nella sua ultima lettera agli investitori. Ed anche se in modo cinico potremmo pensare che la crisi alimentare sia solo un problema dei paesi poveri, che non possono permettersi di pagare i propri alimenti, in realtà pone in un imminente pericolo i paesi occidentali. Perché la lista dei paesi principalmente colpiti dalla sua dipendenza alimentare dall'estero ci sono i maggiori paesi produttori di petrolio al mondo, a cominciare dall'Arabia Saudita.

Abbiamo, quindi, che oltre la crisi economico e finanziaria, ci sono tre crisi gravi e profonde: quella energetica, quella dell'acqua (risultato del cambiamento climatico) e quella degli alimenti. Tre crisi che interagiscono fra loro. Ognuna di queste crisi ha ritmi diversi, ma l'aggravamento di una di esse porta con sé l'aggravamento delle altre: mancando l'energia ci spostiamo su metodi estrattivi più aggressivi, che rilasciano più CO2, consumano più acqua ed inquinano di più, aggravando il cambiamento climatico, la disponibilità di acqua potabile e la produzione di alimenti. L'avanzare del cambiamento climatico restringe l'accesso all'acqua e aggrava la crisi alimentare. E quando le condizioni di vita si fanno più dure serve più energia. La mancanza di alimenti condurrà a scoppi sociali su scala globale, a rivolte, alla caduta di governi e di stati, riducendo l'accesso globale all'energia, portando a soluzioni energetiche più pericolose e all'accaparramento e alla mala gestione dell'acqua. All'inizio gli effetti più negativi di questi processi impiegheranno da anni a decenni per realizzarsi, perché diventino visibili in tutta la loro intensità. Ma c'è un fattore extra che può accelerare tutto: l'accaparramento delle terre (land grabbing). 

In un mondo in cui le opportunità di di fare affari cominciano a scarseggiare, dove non rimangono più grandi miniere da sfruttare, il nuovo Eldorado degli investimenti internazionali, l'ultima frontiera, risulta essere la prima, la prima cosa alla quale l'uomo della Rivoluzione Neolitica diede un prezzo: la terra coltivabile. Le imprese multinazionali occidentali, le imprese statali dei paesi del Golfo Persico e della Cina si sono lanciati da oltre un decennio nell'accaparramento di terre coltivabili su grande scala e in tutto il mondo: Africa, Asia, Sud America e, più recentemente l'Europa. Il problema è particolarmente grave in Africa: il 5% di tutte le terre coltivabili è in mano a queste compagnie. In molti casi, queste compagnie approfittano della scarsa protezione legale che hanno gli agricoltori tradizionali che hanno coltivato quelle terre per generazioni. Con la cooperazione dei governi nazionali o locali corrotti, dalla notte al mattino gli agricoltori si vedono espropriati del povero sostentamento che da da mangiare, in molti casi, a diverse famiglie. In altri paesi, il comportamento di queste compagnie è più “civile”, anche se il risultato è lo stesso. Il problema dell'accaparramento delle terre è un dramma di intensità planetaria che, tuttavia, passa in sordina in tutti i media di comunicazione occidentali, forse come brve rassegna occasionale nella sezione “Società”. Perché queste compagnie vogliono così tante terre? In alcuni casi (Paesi del Golfo Persico o Cina), per assicurare la propria sicurezza alimentare. Così, grazie ai petrodollari, questi paesi stanno stanno esportando la fame che ci sarebbe nei loro territori insostenibili. In altri casi, per incrementare la produzione globale di biocombustibili, principalmente soia, visto che è la cosa di cui si ha più bisogno adesso è il diesel. E questo nonostante l'EROEI della soia sia molto basso (da quanto si può verificare, inferiore a 2:1) e non si può giustificare la sua produzione se non con le enormi sovvenzioni fornite da Stati Uniti ed Europa e dall'obbligatorietà che nei carburanti commercializzati ci sia una percentuale di biocombustibile nella miscela. E in altri casi le compagnie si accaparrano la terra semplicemente perché sono attivi che si rivalorizzano, cioè, le comprano non con l'intenzione di coltivarle, ma di speculare. 

Vediamo, pertanto, che la risposta ai problemi complessi che abbiamo di fronte è solo una: più BAU. Scarseggiano gli alimenti? Accaparriamoci le terre e coltiviamole in modo industriale, nonostante l'evidente insostenibilità, non tanto a lungo termine, ma anche a breve termine in uno scenario di prezzi del petrolio alti. Manca l'acqua? La desalinizziamo in modo massiccio (ributtando la salamoia prodotta in mare e portando così uno squilibrio negli ecosistemi delle coste) o la trasportiamo da grandi distanze (impoverendo le risorse idriche di altre zone), tutto ciò con grande consumo di materiali ed energia. Si scioglie l'Artico e la Groenlandia? Fantastico: possiamo saccheggiare le loro risorse minerarie. Ma l'approccio BAU è straordinariamente miope. Tanto miope che è incapace di vedere che le sue proposte non possono mantenersi che per pochi anni, forse per pochi mesi. E prepara così uno scenario da incubo verso il quale avanziamo a ritmo esponenziale. 

E' ovvio dove finirà tutto questo, dove ci sarà la rottura. Tutti questi movimenti si manifestano diminuendo la disponibilità di alimenti per la maggioranza della popolazione del pianeta, perché l'accesso ad essi è stato accaparrato direttamente o indirettamente (acqua, prezzo, …) e il prodotto risultante è diretto ad alcuni mercati concreti e ristretti: Occidente, paesi del Golfo, Cina... Ma gli alimenti non sono una commodity in più, non stiamo parlando di restringere l'accesso all'I-phone o alla macchina. Per quanto tempo pensiamo di mantenere questa situazione? Davvero crediamo che la gente si lascerà morire di fame? Accetterà di veder morire di fame i propri figli ed i suoi genitori? 

Jeremy Grantham lo dice chiaramente nella lettera trimestrale ai suoi investitori: Benvenuti a Distopia. Un nuovo mondo dove i problemi alimentari sono strutturali, ricorrenti e peggiorano col tempo. Dove il sovrasfruttamento delle falda acquifere porta alla sua salinizzazione e far diventare le terre sterili. Dove l'eccesso di aratura industriale e l'uso di fertilizzanti industriali degrada lo strato vivo del suolo, minacciando di desertificare le terre coltivabili. Dove gli alti prezzi degli alimenti  faranno in modo che la maggioranza della popolazione del mondo non abbia accesso ed una quantità minima di alimenti. Un mondo dove la violenza e i grandi movimenti migratori, su una scala senza precedenti, saranno normali. Benvenuti in un mondo dominato dalla guerra e dalla fame. 

Nel suo libro “Collasso: come le società scelgono di morire o vivere”, Jare Diamond dedica un capitolo al genocidio del Ruanda degli anni 90 del secolo scorso. E la conclusione che sembra emergere è semplice: più che l'odio razziale (in proporzione alle relative popolazioni, morirono tanti Hutu quanti Tutsi, in realtà), quello che diede impulso al genocidio è stata la mancanza di risorse, la fame. Il libro raccoglie una frase, pronunciata da un maestro Tutsi, che lo riassume molto bene: “Le persone i cui figli dovevano andare scalzi a scuola, hanno ucciso le persone che potevano comprare scarpe per i propri”. E' prevedibile che, nella misura in cui la fame si estende con più forza nel mondo, scoppino più rivolte, più conflitti e più guerre civili. Non crediate che la primavera araba sia finita coi problemi di Tinisia, Egitto e Libia... Quei paesi, ed i loro vicini, non hanno raggiunto la stabilità e non la raggiungeranno in un futuro prossimo, perché il loro problema essenziale non è la mancanza di libertà o le diseguaglianze sociali, ma la loro incapacità di dar da mangiare in modo adeguato alle loro popolazioni. E se ci fossero rivolte in Uganda o in Mozambico ci porterebbe allo stallo del nostro ricco occidente, ci importerà molto di più quando milioni di migranti di diverse provenienze busseranno alle porte delle nostre case, in cerca non di un futuro migliore, ma semplicemente di un futuro, di non morire di fame. Ma quando questa stessa instabilità colpisce paesi il cui sottosviluppo è stato per noi conveniente, perché così ci hanno esportato a basso prezzo le loro materie prime, e specialmente quando queste rivolte colpiscano i principali produttori di petrolio, allora comincerà la guerra. In Occidente e in Oriente la macchina della propaganda è ben lubrificata dopo decenni passati a convincere del contrario di quanto accade (fumare fa bene, il cambiamento climatico è un processo naturale, il libero mercato è la soluzione a tutti i problemi, il progresso umano è inarrestabile, si stanno prendendo le misure per porre fine alla crisi, questa crisi finirà presto, viviamo nel migliore dei mondi possibili...) si impegnerà a fondo per convincerci che le rivolte che scoppieranno ovunque contro le imprese occidentali che si accaparrano il sostentamento dei paesi depredati, sono in realtà attacchi terroristici perpetrati da pericolosi estremisti. E quando qualche grande produttore di petrolio soccomberà a causa delle contraddizioni interne, le nostre truppe intraprenderanno una guerra di occupazione dissimulata come “consenso internazionale per ristabilire il sistema legate precedentemente in vigore”, retorica per camuffare che non si pretende restaurare una democrazia che, ovviamente, prima non c'era (non ho dovuto nemmeno inventare queste espressioni: sono le stesse che sono state usate per giustificare l'intervento delle potenze occidentali quando l'Iraq ha invaso il Kuwait nel 1991). 

Tutto questo caos, tutte queste guerre, aggravano soltanto la situazione e la fame. Quante guerre contemporaneamente potrà permettersi l'Occidente? Quanti paesi dovrà occupare per poter saziare la sua sete di petrolio? Inoltre, come ha dimostrato la Libia, le guerre fanno sì che la produzione si deteriori, per mancanza di manutenzione delle installazioni, danni diretti che ricevono, mancanza di nuovi investimenti – in un momento critico come questo, nel quale per mantenerci dobbiamo investire come se non ci fosse un domani -, ecc. Abbiamo accumulato tanta tensione e tante contraddizioni nel contesto globale che, a partire dal momento in cui i problemi superino una soglia critica, un livello abbastanza elevato, si produrrà una valanga di problemi che per forza deve trascinarci nel fango della Storia. Alla fine, negli stessi paesi occidentali scoppieranno rivolte per la mancanza di alimenti alla quale credevamo di essere immuni perché pensavamo che li avremmo sempre potuti pagare (al momento solo coloro che sono finiti nella Grande esclusione sanno che la fame qui non è una chimera ). Probabilmente saranno le Guerre della Fame che metteranno in ginocchio la civiltà occidentale.

Per tutto questo capirete che mi risulta difficile credere che la nostra evoluzione sarà tanto positiva quanto la mettiamo su carta. Piani basati su un'evoluzione dolce e progressiva delle condizioni, cosa per oggi impossibile data tutta la tensione accumulata, le retroazione fra tutti i fattori negativi e la determinazione suicida del BAU. Non ci resta molto tempo. Possono essere mesi, forse anni, prima che lo scoppio della fame mondiale, il ruggito di rabbia dell'Umanità umiliata, finisca per trascinarci nel caos. Siamo ancora in tempo per invertire la situazione, se almeno ne siamo coscienti. 

Saluti.
AMT




















mercoledì 24 ottobre 2012

Il ghiaccio artico si sta sciogliendo ad una velocità ' sorprendente', dicono gli scienziati

Di David Shukman, Editore Scientifico, dalle Svalbard 


Da “BBC News” del 7 settembre 2012. Traduzione di Massimiliano Rupalti



David Shukman visita la base di ricerca Ny-Alesund alle Svalbard 

Questo è un articolo "dalla linea del fronte" di questa terribile estate: scritto quando ancora il ghiaccio non aveva raggiunto il suo minimo storico di quest'anno, lo pubblichiamo su "Cassandra" a illustrazione dell'atmosfera drammatica che circonda lo studio dei ghiacci artici.



Gli scienziati dall'Artico ci stanno avvertendo che lo scioglimento da record di quest'estate è parte di una tendenza all'accelerazione con profonde implicazioni.

I ricercatori norvegesi riportano che il ghiaccio marino sta diventando significativamente più sottile e più vulnerabile. Il mese scorso, il disgelo annuale del ghiaccio galleggiante della regione ha raggiunto il livello più basso da quando è cominciato il rilevamento satellitare, più di 30 anni fa. Si pensa che la dimensione del declino possa anche condizionare il clima europeo. Lo scioglimento è destinato a continuare per almeno un'altra settimana – il picco viene normalmente raggiunto a metà settembre – mentre le temperature qui rimangono sopra lo zero.

'Senza precedenti'

L'Istituto Polare Norvegese (IPN) è all'avanguardia della ricerca nell'Artico ed il suo direttore internazionale, Kim Holmen, ha detto alla BBC che la velocità di scioglimento è stata più rapida del previsto. “E' un cambiamento più grande di quanto potessimo persino immaginare 20 anni fa, persino 10 anni fa”, ha detto il Dr Holmen. “E ci ha colti di sorpresa, quindi dobbiamo adattare la nostra comprensione del sistema e la nostra scienza e dobbiamo adattare la nostra percezione della natura intorno a noi”. 
L'Istituto ha schierato il proprio rompighiaccio, il Lance, alla ricerca delle condizioni fra la Svalbard e la Groenlandia – la via principale attraverso la quale il ghiaccio scorre via dall'Oceano Artico. Durante una visita al port, uno degli scienziati coinvolti, il Dr. Edmond Hansen, mi ha detto di essersi “sorpreso” dalla dimensione e dalla rapidità dello scioglimento di quest'anno. “Come scienziato, so che questo è senza precedenti in almeno 1500 anni. E' veramente sorprendente, è un enorme e drammatico cambiamento nel sistema”, ha detto il Dr. Hansen. “Questo non è un fenomeno di breve durata, è una tendenza in corso. Si perde sempre più ghiaccio ed è in accelerazione. Si possono semplicemente guardare i grafici, le osservazioni, e si può vedere cosa sta accadendo”. 
Ghiaccio più sottile.
Ho intervistato il Dr. Hansen mentre il Lance era attraccato alla stazione Artica norvegese  Ny-Alesund sulle Svalbard. I dati chiave sul ghiaccio vengono dai satelliti ma anche da misurazioni fatte con una gamma di tecniche diverse, un mix di vecchie e nuove tecnologie sfruttate per aiutare a rispondere alle domande ambientali chiave della nostra era.

Spiegazione dell'anello di retroazione positiva causato dallo scioglimento dei ghiacci polari secondo la NASA (nell'articolo originale è presente una spiegazione 'in loco' fatta dallo stesso Shukman ma che non era riproducibile per motivi tecnici, mi sono preso la libertà di proporre questo video come alternativa, ndT.)

I norvegesi organizzano spedizioni sul ghiaccio galleggiante per fare carotaggi per determinarne l'origine. E dai primi anni 90 hanno installato boe specialistiche, ancorate al fondo del mare, che usano dei sonar per fornire un flusso quasi costante di dati sul ghiaccio soprastante. Un dispositivo elettromagnetico come un Uccello EM è stato fatto volare, sospeso sotto ad un elicottero, per lunghe scansioni sul ghiaccio. Gli strumenti a forma di siluro raccolgono i dati sulla differenza fra il livello dell'acqua marina sotto il ghiaccio e la superficie del ghiaccio stesso. Per mezzo di transetti volanti sul ghiaccio, emerge un quadro del suo spessore. 

I dati più recenti sono ancora in corso di elaborazione ma uno degli specialisti dell'istituto, il Dr. Dr Sebastian Gerland, ha detto che sebbene le condizioni varino di anno in anno, uno schema è chiaro. “Nella regione in cui lavoriamo possiamo vedere una tendenza generale al ghiaccio più sottile, nel Fram Strait ed in alcune stazioni costiere”. Dove il ghiaccio scompare per intero, la superficie perde la sua normale bianchezza riflettente, che rispedisce indietro nello spazio gran parte della radiazione solare, e viene sostituita da acqua più scure che invece assorbono più calore. Secondo il Dr. Gerland, un ulteriore riscaldamento può avere luogo se il ghiaccio rimane in uno stato molto più sottile. “Ciò significa che c'è più luce che penetra attraverso il ghiaccio. Ciò dipende dalla copertura di neve, ma una volta che si è sciolta la luce può attraversarlo”, ha detto il Dr Gerland. “Se il ghiaccio diventa più sottile, più luce penetra, e quella luce può scaldare l'acqua”. 


Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2007

Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2008

Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2009

Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2010

Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2011

Scioglimento estivo del ghiaccio artico nel 2012

Le previsioni più caute dicono che l'Artico potrebbe rimanere libero dal ghiaccio in estate dal 2080 0 2090. Ma di recente molte stime per questo scenario sono state portate avanti. Le prime ricerche che investigano le implicazioni suggeriscono che una riduzione massiccia del ghiaccio marino è probabile che abbia un impatto sull'andamento del Jet Stream (Corrente a Getto), il vento d'alta quota che guida i sistemi meteorologici, comprese le tempeste. 

La direzione e la velocità del jet stream è governato dalla differenza di temperatura fra i tropici e l'Artico, quindi un cambiamento nella scala osservato ora potrebbe essere sentito in Europa ed oltre. Kim Holmen del NPI ha spiegato come potrebbe funzionare la connessione. “Quando l'Artico è libero dal ghiaccio non è più bianco ed assorbirà più luce solare, e questo cambiamento influenzerà i sistemi del vento e dove arriveranno le precipitazioni. Per l'Europa del nord potrebbe significare molte più precipitazioni, mentre l'Europa del sud diventerà più secca, quindi ci sono cambiamenti su larga scala su tutto il continente”. 

Questa valutazione si riflette nel lavoro del Centro Europeo per le Previsioni Meteo a Medio Termine, che ha sede nella città Britannica di Reading. Il direttore generale del centro, Alan Thorpe, ha detto che il collegamento fra lo scioglimento dell'Artico ed il tempo in Europa era complicato ma che ora è il soggetto della ricerca. “Dove il ghiaccio marino dell'Artico si riduce in estate – e se abbiamo temperature di superficie più calde della media nell'Atlantico nord occidentale – questi due fattori insieme portano le tempeste ad essere deviate sul Regno Unito in estate, che non è la situazione normale e porta ad estati più brutte”. Ma la ricerca è ai suoi stadi iniziali. Per la scienza, l'Artico in sé è difficile da decifrare. Gli effetti del suo rapido scioglimento sono anche più difficili.












lunedì 22 ottobre 2012

Decrescita e picco del petrolio

Da “Cassandra's Legacy”. Di Ugo Bardi. Traduzione di Massimiliano Rupalti






Questa è una versione sintetica dell'intervento che ho fatto alla Terza Conferenza Internazionale sulla Decrescita a Venezia il 21 settembre 2012


Salve a tutti.


Penso che siate venuti ad ascoltarmi oggi perché volete sapere qualcosa sulla situazione del petrolio greggio, cioè del “picco del petrolio”. Quindi, quello che posso dirvi è che il picco è arrivato ed ora ci troviamo in un mondo post picco. E' un evento che sta avendo luogo lentamente, nell'arco di diversi anni, ma penso che possiamo dire con una ragionevole certezza che il picco della produzione del petrolio è stato nel 2008.

Per provarvi quello che sto dicendo potrei mostrarvi dati e grafici, ma penso che il modo migliore per rendervi conto che abbiamo superato il picco sia quello di pensare a quanta gente sta discutendo dei sostituti del petrolio. Sapete, tutte quelle cose che producono liquidi infiammabili che possiamo usare per far andare le nostre macchine: biocombustibili, sabbie bituminose, petrolio da scisti, dei quali avrete sicuramente sentito parlare. E avrete sicuramente sentito parlare dell'idea di una “nuova era del petrolio”, che alcuni dicono stia arrivando e che viene ritenuta una cosa buona. Ma questa “nuova era” è basata su risorse sporche che sono conosciute da decenni (almeno) e sono sicuro che voi avrete capito che sono costose, se non altro guardando i prezzi della benzina. Oggi, siamo costretti ad usare queste risorse esattamente perché abbiamo superato il picco di produzione del petrolio convenzionale. In questo senso, siamo stati capaci di mascherare il picco, per il momento, evitando un declino ovvio della produzione di combustibili liquidi. In un certo senso, ci siamo comportati come quelle persone che cercano di mascherare la loro età tingendosi i capelli. Possono riuscire a sembrare più giovani, ma solo per un po'.

Il problema, tuttavia, non è tanto per quanto tempo saremo in grado di mantenere la produzione di liquidi stabile, ma che le risorse che stiamo usando a questo scopo hanno un rendimento energetico basso e fanno danni terribili a un sacco di cose. Stiamo distruggendo aree enormi, avvelenando le falde acquifere e costringendo l'agricoltura ad allontanarsi dalla produzione di cibo. Oltre a questo, stiamo aumentando la quantità di gas serra generati rispetto alla stessa quantità di energia prodotta. Le emissioni continuano ad aumentare e il cambiamento climatico accelera, come potete capire da quanto è accaduto al Polo Nord quest'anno.

Quindi, in un certo senso, il picco del petrolio è stata una delusione. Era probabilmente la prima manifestazione moderna del concetto di “decrescita”, quando si era iniziato a discuterne una decina di anni fa. Ci aspettavamo che l'era post picco avrebbe stimolato lo sviluppo di risorse pulite ed alcuni di noi (me incluso) pensavano che ci avrebbe salvati dal riscaldamento globale, o che ne avrebbe almeno ridotto fortemente l'importanza. Ma, sfortunatamente, non è andata così.

Oggi stiamo discutendo un altro tipo di decrescita, intesa prevalentemente come una scelta personale e gran parte di noi crede che sia una cosa buona. E' un atteggiamento che sembra simile a quello che avevamo nei confronti del picco del petrolio dieci anni fa. Ma è possibile che stiamo facendo lo stesso errore? Voglio dire, potremmo essere troppo ottimisti circa quanto possa portarci la decrescita?

Lasciate che vi ponga una domanda: quali problemi pensate che possa risolvere esattamente la decrescita? Forse pensate che decrescendo sarete più felici e questo può certamente essere. Ma la decrescita può risolvere il problema del clima? Può ridurre l'inquinamento e lo stress dell'ecosistema? Di sicuro se tutti decidessimo di ridurre i nostri consumi, l'impatto degli esseri umani sul pianeta verrebbe ridutto. Ma se solo alcuni di noi decidessero di decrescere, le risorse che non consumiamo noi non verrebbero consumate da qualcun altro? In quel caso, l'impatto umano non cambierebbe.

Inoltre, anche se la decrescita volontaria dovesse avere un effetto significativo, sarebbe abbastanza? Il cambiamento climatico potrebbe essere già da ora irreversibile, nel senso che potremmo aver scatenato un meccanismo che potrebbe fare in modo che la Terra continui a scaldarsi indipendentemente da ciò che faremo. Ridurre le emissioni o persino smettere di bruciare combustibili fossili non fermerebbe il riscaldamento globale. Se le cose stessero così, la decrescita da sola non sarebbe la soluzione, proprio come il picco del petrolio non lo era. Avremo bisogno della geoingegneria per salvarci? Forse, ma la bioingegneria è compatibile con la decrescita? Se la nostra economia si contrae molto, dove troveremmo le risorse necessarie per la geoingegneria?

Non vi sto facendo una domanda retorica: io stesso non so la risposta. Quello che so è che stiamo affrontando problemi incredibilmente complessi. Non sappiamo quali tipi di soluzioni possano esserci per il riscaldamento globale e per il collasso dell'ecosistema. Non sappiamo nemmeno se ci sono soluzioni in assoluto. Ma penso che possiamo dire, almeno, che è stata la crescita ad ogni costo che ci ha portati all'incertezza nella quale ci troviamo ora. Fermare la crescita di sicuro non può farci più di tanto male!








domenica 21 ottobre 2012

Esperto dell'Artico prevede il collasso finale del ghiaccio marino entro 4 anni

Mentre il ghiaccio marino si contrae ai minimi storici, il Prof. Peter Wadhams avverte che un 'disastro globale' si sta dispiegando alle latitudini nord

Dal “Guardian” del 17 settembre. Traduzione di Massimiliano Rupalti


Il Prof. Peter Wadhams fa un appello per una 'urgente' considerazione di nuove idee per ridurre le temperature globali. Foto: John Mcconnico/AP

Uno dei maggiori esperti mondiali di ghiaccio ha previsto il collasso finale del ghiaccio marino Artico nei mesi estivi entro 4 anni. In quello che chiama un 'disastro globale' che si sta dispiegando alle latitudini nord, mentre l'area marina che si congela e si scioglie ogni anno diminuisce fino all'estensione più ridotta mai registrata, il Prof. Peter Wadhams dell'Università di Cambridge fa un appello per la considerazione 'urgente' di nuove idee per ridurre le temperature globali. 

In una email al Guardian dice: “Il Cambiamento Climatico non è più qualcosa per il quale possiamo puntare a fare qualcosa nel giro di qualche decennio e dobbiamo non solo ridurre urgentemente le emissioni di CO2, ma dobbiamo esaminare urgentemente altri modi per rallentare il riscaldamento globale, tipo le varie idee di geoingegneria che sono state avanzate”. Queste comprendono la riflessione dei raggi solari indietro nello spazio, rendere le nuvole più bianche e disseminare l'oceano con minerali per assorbire più CO2. Wadhams ha passato molti anni a raccogliere dati sullo spessore del ghiaccio da sottomarini che passano sotto l'oceano Artico. Ha previsto la rottura imminente del ghiaccio marino nei mesi estivi nel 2007, quando la precedente estensione minima di 4,17 milioni di chilometri quadrati si era già verificata. 

Quest'anno, si sono persi ulteriori 500.000 kmq fino ad arrivare a meno di 3,5 milioni di kmq. “Avevo previsto [il collasso del ghiaccio marino nei mesi estivi] per molti anni. La causa principale è semplicemente il riscaldamento globale: Siccome il clima si è scaldato, c'è stata una minore crescita del ghiaccio in inverno ed un maggiore scioglimento in estate. All'inizio questo non veniva notato; i limiti del ghiaccio estivo si è ritirato ad un tasso che aveva fatto ipotizzare che il ghiaccio sarebbe durato altri 50 anni. Ba alla fine lo scioglimento estivo ha superato la crescita invernale in modo tale che l'intera calotta di ghiaccio o si spezzi durante i mesi estivi. Prevedo che questo collasso potrebbe accadere nel 2015-2016, quando l'Artico estivo (da agosto a settembre) potrebbe diventare libero dal ghiaccio. Il collasso totale a quello stato sta avvenendo ora e sarà probabilmente completo per quelle date”. 

Wadham dice che le implicazioni sono “terribili”. “Gli aspetti positivi sono l'aumentata possibilità di trasporti sull'Artico, aumentato accesso alle risorse di petrolio e gas in mare aperto dell'Artico. Quello negativo principale è un'accelerazione del riscaldamento globale.” “Mentre il ghiaccio marino in estate si ritira, l'oceano si riscalda (fino a 7°C nel 2011) e questo provoca anche il riscaldamento del fondo del mare. Le piattaforma continentali dell'Artico sono composte di Permafrost di mare aperto, sedimenti congelati rimasti dall'ultima era glaciale. Se l'acqua si riscalda, il Permafrost si scioglie e rilascia enormi quantità di metano che vi era intrappolato, un gas serra molto potente, quindi questo darebbe una spinta al riscaldamento globale”.  



venerdì 19 ottobre 2012

I sei stadi dell'afflizione climatica


Di Daphne Wysham
Da “Institute for Policy Studies” del 3 settembre 2012. Traduzione di Massimiliano Rupalti.


Ho scoperto un nuovo stadio, il sesto oltre all'accettazione, della scienza climatica: lavorare. Ora che l'estate più calda mai registrata volge al termine, ci siamo almeno avvicinati ad ammettere che il cambiamento climatico ci è addosso? Se no, perché? Deve avere qualcosa a che fare con i cinque stadi dell'afflizione.

Elisabeth Kubler-Ross ha identificato questi stadi in negazione, rabbia, seguita dalla contrattazione, dalla depressione e dall'accettazione. Con la siccità record che uccide il nostro bestiame e il nostro mais, il virus del Nilo Occidentale che spazza il paese e il ghiaccio dell'Artico che si fonde, non stupisce che milioni di persone stiano rispondendo per stadi a questi segnali spaventosi di declino ambientale. Il Premio Nobel Steve W. Running ha proposto per primo questo quadro per capire la risposta della gente al cambiamento climatico nel 2007. Mi piacerebbe fare un passo avanti e suggerire un sesto stadio: lavorare.

La Negazione, il primo stadio dell'afflizione, può essere molto confortevole. I media degli Stati Uniti (e quelli del resto del mondo, ndT.) sono in molti modi funzionali al campo negazionista. Difficilmente collegano i puntini fra eventi meteo estremi e cambiamento climatico, rendendo facile rimanere beatamente ignoranti. I nostri politici stanno a loro volta prolungando questo stadio di negazione pronunciando molto raramente il termine “cambiamento climatico”, come se quelle parole fossero oscene.


Il secondo stadio – la Rabbia – riassume l'atteggiamento di gente come Sean Hannity and Rush Limbaugh. Questi ospiti di talk show sono al vetriolo quando attaccano gli scienziati climatici o i sostenitori delle alternative ai combustibili fossili. La loro ferocia dà licenza ai più folli che fanno minacce di morte agli scienziati climatici: preferirebbero sparare al messaggero piuttosto che ascoltare il messaggio.

Lo stadio successivo, la Contrattazione, arriva quando i negazionisti cominciano a riconoscere che le temperature globali stanno di fatto aumentando, ma dichiarano che sia dovuto a cause naturali. Oppure assumono una posizione come quella dell'Amministratore Delegato dell Exxon Mobil Rex Tillerson, cioè ammettere che il cambiamento climatico è un grande problema ma dichiarando che la risposta è “adattarsi” invece di cambiare il nostro comportamento.

La Depressione è uno stato familiare per me ed i miei compagni attivisti del cambiamento climatico. Se la verità ti rende libero, la verità sul cambiamento climatico può renderti libero di prendere antidepressivi per il resto della tua vita. Ogni anomalia meteorologica porta un senso di terrore. E' a questo punto che perdiamo la gente. La negazione comincia a sembrare attraente.

L'Accettazione è lo stadio più duro, perché quello che ci dicono gli esperti è così dannatamente spaventoso, ti fanno venire voglia di saltare sulle ginocchia di Rush Limbaugh e di rimanerci. Stiamo superando di gran lunga tutti i peggiori scenari degli scienziati ed ora siamo in cammino verso un aumento di 11°Fahrenheit (6 °C) per la fine del secolo, secondo l'International Energy Agency (IEA). Abbiamo superato oltre 4.000 record di temperatura negli Stati Uniti solo quest'anno e gli scienziati ci raccontano di siccità, alluvioni, tempeste ed incendi forestali da record potrebbero diventare “la nuova normalità”. Dobbiamo accettare questa prognosi spaventosa se vogliamo agire correttamente.

Ma l'accettazione non significa che sia tutto perduto.

Dopo anni di lavoro su questi cinque stadi, ho scoperto un sesto, nuovo stadio: fare Il Lavoro. Questo significa farsi coraggio reciprocamente per gurdare questo mostro negli occhi e combattere fianco a fianco nella battaglia della vita. Il cambiamento sistemico – non semplicemente mettere una lampadina a basso consumo – è quello che ci serve, adesso. Questo deve includere tutto, dal rimpiazzare il PIL come misura sorpassata di progresso all'insegnamento della scienza del clima nelle scuole per armare le prossime generazioni coi fatti. Insieme, possiamo gettare lo sguardo, oltre la disperazione, su un mondo di trasformazione e rinascita possibile, se siamo abbastanza coraggiosi da lottare per esso. Dopotutto, il nostro pianeta ripristinerà da solo il proprio equilibrio. Dobbiamo solo assicurarci che l'umanità ne sia testimone.


giovedì 18 ottobre 2012

Un'altra bufala climatica dal Daily Mail.

Da “Skeptikal Science” del 17 ottobre 2012. Traduzione di Massimiliano Rupalti


Il quotidiano/tabloid britannico 'The Daily Mail' ed il suo scrittore David Rose sono famosi per pubblicare articoli fuorvianti sul clima (quando va bene), come abbiamo già discusso qui, per esempio. Hanno colpito di nuovo di recente, dichiarando che secondo un rapporto del Met Office ”rilasciato in silenzio”, il riscaldamento globale si è fermato 16 anni fa (un mito che Skeptikal Science smonta qui e qui). Questa asserzione è completamente falsa, come ha spiegato il Met Office pubblicando le domande di David Rose e le risposte del Met Office.

“Prima di tutto il Met Office non ha pubblicato un rapporto su questo problema. Possiamo solo presumere che l'articolo si riferisca al completamento del lavoro per aggiornare il set di dati della temperatura globale di HadCRUT4, compilato da noi e dall'Unita di Ricerca sul Clima dell'Università del East Anglia. 

Abbiamo annunciato che questo lavoro era in corso a marzo ed è stato finito questa settimana. Potete vedere il sito di HadCRUT4 qui".

L'articolo di Rose è stato prevedibilmente riprodotto in modo acritico dai soliti blog negazionisti e citato da Fox News, forse nel tentativo di distrarre dal record minimo del ghiaccio marino dell'Artico di quest'anno. Tuttavia, praticamente ogni frase dell'articolo è sbagliata, come lui avrebbe dovuto sapere in quanto lettore di Skeptical Science, perché abbiamo recentemente annunciato l'arrivo del suo pezzo.


Rose cerca di portare il testimone giù da una scala mobile che sale

Rose ha tentato di suscitare una dichiarazione da parte del Met Office facendo una domanda che potrebbe essere descritta in breve come “imbeccare il testimone”:

“Primo, per favore confermate che essi di fatto non rivelano alcuna tendenza al riscaldamento dal 1997”.

Il calcolatore della tendenza della temperatura di Skeptical Science  può essere usato per testare questa domanda. La tendenza nella temperatura globale di superficie nel HadCRUT4 dal 1997 è di 0.084 ± 0.152°C a decennio (anche se non abbiamo ancora aggiornato i dati di HadCRUT4, i gruppi di dati del GISS e del NSDC mostrano una tendenza al riscaldamento simile dal 1997) . Mentre la tendenza non è statisticamente significativa, il valore centrale è positivo, il che significa che la temperatura media di superficie sì è probabilmente alzata.

Il Met Office ha anche spiegato che Rose sta essenzialmente tentando di far scendere la scala mobile che sale (Figura 1) concentrandosi sul rumore a breve termine e ignorando la tendenza a lungo termine.

“Durante gli ultimi 140 anni le temperature globali di superficie sono salite di circa 0,8°C. Tuttavia, all'interno di questi dati ci sono stati diversi periodi della durata di un decennio o più, durante i quali le temperature sono salite molto lentamente o si sono abbassate. Il periodo attuale di riscaldamento ridotto non è senza precedenti e periodi della durata di 15 anni non sono inusuali”.

Figura 1: dati delle temperature di sola superficie (verde) da BEST con tendenze lineari applicate ai quadri temporali 1973-1980, 1980-1988, 19988-1995, 1995-2001, 1998-2005, 2002-2010 (blu) e 1973-2010 (rosso). 

Rose e Curry ignorano il 90+% del riscaldamento globale

Forse più importante, il concentrarsi sulle temperature dell'aria di superficie impedisce di vedere più del 90% del riscaldamento generale del pianeta (Figura 2).

Figura 2: componenti del riscaldamento globale per il periodo 1993-2003 calcolati dal IPCC AR4 5.2.2.3.


Rose cita la climatologa del Georgia Tech Judith Curry (le cui dichiarazioni abbiamo esaminato in precedenza qui e qui) quando asserisce,

“I nuovi dati confermano l'esistenza di una pausa nel riscaldamento globale”.

Tuttavia, questa dichiarazione è semplicemente scorretta. Nuccitelli et al. (2012) hanno considerato il riscaldamento degli oceani (sia di superficie sia di profondità), della terra, dell'atmosfera e del ghiaccio ed hanno mostrato che il riscaldamento globale non ha rallentato in anni recenti (Figura 3).

Figura 3: riscaldamento di terra, atmosfera e ghiaccio (rosso), contenuto di calore nell'oceano da 0 a 700 metri (blu chiaro) e contenuto di calore nell'oceano da 700 a 2000 metri (blu scuro). Da Nuccitelli et al. (2012).


Se Rose e Curry fossero lettori di Skeptical Science, avrebbero saputo diversi giorni prima della pubblicazione di questo articolo che l'affermazione che il riscaldamento globale sia “in pausa” è stata demolita da Nuccitelli et al., come mostra chiaramente la Figura 3.

Curry esagera la variabilità naturale

Rose cita la Curry anche quando dice:

“La variabilità naturale è stata mostrata avere, durante gli ultimi due decenni, una grandezza che domina l'effetto serra riscaldante”

Questa dichiarazione è ugualmente sbagliata. C'è sempre un punto nel quale, nella misura in cui si considerino quadri temporali sufficientemente brevi, un segnale a lungo termine sarà più piccolo del rumore del sistema, il che sembra essere l'argomento della Curry qui. Tuttavia, per le temperature globali di superficie, quel quadro temporale è inferiore ai due decenni specificati dalla Curry nella sua citazione. 

Anche ignorando il 90+% di riscaldamento globale e considerando soltanto le temperature globali di superficie, esse si sono alzate di 0.4°C durante gli ultimi due decenni, secondo HadCRUT4. Swanson et al. (2009) hanno esaminato il ruolo della variabilità naturale sulle temperature globali di superficie ed hanno scoperto che raramente eccede i 0,2-0,3°C e la media su quadri temporali più lunghi in genere si avvicina allo zero (Figura 4).

Figura 4: Stima delle alterazioni osservate della variabilità interna nella temperatura media dalle simulazioni dei modelli climatici osservate nel ventesimo secolo.

Così la Curry è scorretta: anche su un quadro temporale breve come i due ultimi decenni, l'alterazione nella temperatura globale dovuta al riscaldamento causato dagli esseri umani è stata più grande della variabilità naturale del sistema climatico globale. E se consideriamo il riscaldamento del pianeta nel complesso (compresi gli oceani), l'alterazione di riscaldamento è molto chiaramente più ampia del rumore su questo quadro temporale, come mostra la Figura 3.

Rose attacca i modelli climatici per minimizzare il rischio climatico

Alla fine Rose tira fuori una citazione della Curry per sostenere che i modelli climatici stiano esagerando il riscaldamento globale:

“La Professoressa Judith Curry...ha detto sabato al The Mail che i modelli computerizzati usati per prevedere il riscaldamento futuro erano 'profondamente errati”

Rose e la Curry stanno cercando di sostenere questo perché le temperature globali di superficie non sono aumentate in modo così rapido quanto la media dei modelli multipli contenuta nel rapporto del IPCC (0,2°C per decennio) e che questo in qualche modo suggerisca che i modelli siano errati. Tuttavia, il Met Office ha spiegato a Rose (prima della pubblicazione del suo articolo) il perché quest'idea sia sbagliata. 

“I modelli mostrano grandi variazioni nel tasso di riscaldamento da anno ad anno e su un decennio a causa delle variazioni climatiche tipo la ENSO, l'Oscillazione Pluridecennale Atlantica e l'Oscillazione Decennale del Pacifico. Quindi, in questo senso, un tale periodo non è inaspettato. Non è raro nelle simulazioni che questi periodi durino fino a 15 anni, ma periodi più lunghi di apparente stasi sono improbabili”.

Durante l'ultimo decennio, l'emissione di aerosol (che causano il raffreddamento bloccando la luce solare) sono saliti, l'attività solare è stata bassa, c'è stata una preponderanza di eventi di tipo La Niña (che causano anche effetti a breve termine di raffreddamento della superficie) e il calore si è accumulato nell'oceano profondo. Quindi non sorprende affatto che questi effetti a breve termine, tutti orientati nella direzione del raffreddamento, in anni recenti abbiano compensato gran parte del riscaldamento della superficie causato dall'emissione di gas serra da parte degli esseri umani. 

Questo risultato è infatti coerente con le elaborazioni climatiche individuali. Meehl et al. (2011) hanno mostrato che durante i “Decenni-pausa” c'è meno riscaldamento della superficie e degli oceani a poca profondità (Figura 5), esattamente come abbiamo osservato negli ultimi decenni.

Figura 5: Sinistra: tendenze globali lineari composite per i decenni pausa (barre rosse) e per tutti gli altri decenni (barre verdi) per la radiazione netta dell'atmosfera alta (TOA – Top of the Atmosphere) – i valori positivi denotano l'energia netta che entra nel sistema. Destra: tendenze decennali del contenuto di calore complessivo degli oceani (HC - Heat Content) – 1023 Joules per decennio – per lo strato alto dell'oceano (fino a 300 metri dalla superficie) e per due strati oceanici più profondi (da 300 a 750 metri e da 750 metri al fondo) con la barra di errore definita come  +/- un errore standard x1.86 per essere coerente con un 5% di livello di significatività da un T-Test per studenti di un solo lato. Da Meehl et al. (2011)

Rose sbaglia i fondamenti dell'economia

Tutte queste dichiarazioni fuorvianti portano all'ultimo argomento di rose nell'attacco alla tassazione del carbonio ed agli investimenti in energia verde.

“E con il paese impegnato in un Atto Parlamentare per ridurre la CO2 del 80% entro il 2050, un progetto che costerà centinaia di miliardi (di dollari), la notizia che il mondo non si è scaldato durante gli ultimi 16 anni arriva come qualcosa di scioccante... le prove cominciano a suggerire che stia avvenendo molto più lentamente di quanto abbiano dichiarato i catastrofisti – una conclusione con enormi implicazioni politiche”. 

Al contrario, la Terra si sta scaldando proprio come ci si aspettava, e la ricerca economica ha mostrato in modo coerente che mettere una tassa sulle emissioni di carbonio risulterà in un beneficio netto per l'economia (Figure 6). Tassare le emissioni di carbonio per tenere conto di costi altrimenti esterni del danno che queste causano attraverso il cambiamento climatico (aggiungerei anche attraverso l'inquinamento diffuso che provoca danni alla salute e relativi costi, ndT.) sono i 'fondamentali dell'economia'. 

Figura 6: Costi approssimati dell'azione climatica (verde) e dell'inazione climatica (rosso) nel 2100 e nel 2200. Fonti: German Institute for Economic Research e Watkiss et al. 2005


Riassunto

Per riassumere, Rose e Curry hanno semplicemente sbagliato ogni affermazione fatta sull'Articolo del Daily mail.

-Le temperature globali di superficie si sono probabilmente alzate dal 1997.

-Concentrarsi sui cambiamenti di breve termine confonde il rumore si breve termine col segnale a lungo termine.

-Gran parte del riscaldamento globale finisce negli oceani e, come Nuccitelli et al. (2012) hanno mostrato, il riscaldamento globale non ha rallentato.

-La variabilità naturale è molto più piccola del segnale di riscaldamento globale a lungo termine durante i due decenni passati.

-Il minor tasso di riscaldamento globale della superficie durante il decennio passato è coerente con le previsioni dei singoli modelli, che mostrano che questi 'decenni iato' sono perfettamente previsti.

-Sul lungo termine, la Terra si è riscaldata quanto ci si aspettava.

-La tassazione del carbonio risulterà essere a netto beneficio dell'economia rispetto al non far nulla e cercare di adattarsi alle conseguenze.