Benvenuti nell'era dei ritorni decrescenti


domenica 10 gennaio 2010

Perché i Rom hanno tanti figli?




Un bel gruppetto di piccoli Rom fotografati mentre guardano la televisione nel campo di Sesto Fiorentino il giorno del Natale ortodosso, il 7 Gennaio 2010. Questi bambini sono allegri, intelligenti e in buona salute. Vanno tutti a scuola con risultati discreti.


Più conosci il mondo dei Rom, più ti sembra di fare un viaggio indietro nel tempo; di ritornare all'epoca dei nostri nonni e bisnonni. Se poi penso che una delle mie nonne ha avuto quattro figli e l'altra sei, non mi stupisce troppo che le famiglie Rom che conosco abbiano tutte almeno quattro figli; alcune cinque, e alcune anche sei (mi dicono che ce ne sono anche che ne hanno di più). Il campo Rom, fuori dall'orario scolastico, è pieno di bambini allegri e rumorosi che scorrazzano dappertutto. E' una visione alla quale non siamo abituati in una società come la nostra dove i bambini sono diventati rari.

Perché i Rom fanno tanti figli? Un motivo è una legislazione del tutto assurda che fa si che l'immigrato senza figli sia penalizzato rispetto a uno che ne ha. Ma il motivo più importante è un altro ed è che effettivamente la società Rom somiglia molto di più alla società contadina di una volta che alla nostra società industriale e, ormai, post-industriale. Un tempo, i Rom avevano trovato una loro nicchia economica in cui fornivano certi servizi ai contadini; metallurgia, cavalli e intrattenimento, che evidentemente si gestivano meglio in termini itineranti (o nomadici, se volete) che stanziali. Sparita la società contadina, i Rom non sono riusciti più ad adattarsi se non con espedienti; bloccati da barriere linguistiche, legali e culturali. La loro società è rimasta cristallizzata com'era al tempo dei contadini; un vero fossile (sociale) vivente.

Per noi, la vita ruota intorno a certe cose: il nostro lavoro, la nostra casa, i nostri risparmi, la nostra pensione. Sono cose che diamo per scontate anche se, forse, non lo sono poi così tanto. Per i Rom, la vita è molto più incerta: il lavoro è saltuario, se c'è; la casa è una baracca di legno; i risparmi sono quel poco che tengono sotto il materasso e la pensione... quale pensione? I queste condizioni, per un uomo e una donna, la famiglia è un isola in un mare in tempesta. Un posto dove trovare rifugio, risorse, e sostegno. Non è la famiglia dei caroselli: è una famiglia estesa come usava, appunto, nella società contadina. E, se non hai speranza di una pensione dallo stato, la tua sola possibilità di una vecchiaia tranquilla sta nei tuoi figli.

E' un modo di vedere le cose che è stato molto comune nel passato e lo è tuttora in molti paesi. Ma la tendenza delle società industriali e di passare quella che si chiama la "transizione demografica" che ci porta all'attuale situazione. In Italia siamo oggi a circa 1,4 figli per donna. Per i Rom, non ci sono statistiche attendibili, ma certamente è un numero molto più alto. Non che i tanti bambini dei Rom cambino qualcosa alle tendenze della popolazione italiana: i Rom sono soltanto 150.000, circa, in tutta Italia. Ma, certamente, è per il loro stesso bene che i Rom devono cercare di stabilizzare la loro popolazione in un paese già abbastanza sovrappopolato. In sostanza, devono passare anche loro attraverso la transizione demografica e, per fortuna, ci sono sintomi evidenti che è proprio quello che sta avvenendo.

Tutto cambia, e anche la società dei Rom sta cambiando. Molte ragazze Rom dicono chiaramente che non hanno nessuna intenzione di passare la loro vita a fare figli e a ramazzare la casa. C'è poi una cosa che favorisce la transizione: la scolarizzazione dei ragazzi e - soprattutto - delle ragazze. In tutto il mondo, si sa che il modo migliore per ridurre la pressione demografica sta nel dare un'istruzione alle donne. Questo è quello che sta succedendo: i giovani e le giovani Rom stanno ricevendo un'istruzione che i loro padri e i loro nonni non hanno mai avuto.

Abbiamo fatto la cosa giusta, perlomeno in Toscana, mandando i bambini Rom a scuola; alle volte anche forzandoli nonostante delle situazioni familiari che lo rendevano difficile; soprattutto per via della secolare tradizione che voleva che le ragazze non andassero a scuola. Nella media, i bambini Rom stanno facendo benino a scuola. Se continuiamo con questa politica, i Rom passeranno rapidamente la loro transizione demografica e daremo a questi ragazzi, da adulti la possibilità di dare un contributo utile alla società e a loro stessi. 

_____________________________________

Quando si parla di bambini Rom, vengono sempre fuori le solite leggende. Quella dei Rom che "rapiscono in bambini" è una sulla quale credo non vale la pena nemmeno di soffermarci: ne hanno già tanti, cosa se ne farebbero di altri ancora? Più antipatica è la leggenda che i Rom addestrino i loro figli a diventare piccoli ladri. Ora, non è che fra i Rom manchino situazioni umane e sociali disperate; povertà estrema, alcolismo, droga, eccetera. In queste condizioni è chiaro che i bambini ne risentono; possono diventare (e diventano) dei piccoli criminali. Questo non vuol dire che la cultura dei Rom incoraggi il furto e il crimine. Assolutamente no; come in tutte le culture contadine, fra i Rom si enfatizzano virtù come l'onestà, l'integrità, il lavoro e l'amicizia. Questo è quello che si insegna ai bambini nelle famiglie Rom e nessuno al mondo vorrebbe educare il proprio figlio a diventare un ladro o un criminale. 

4 commenti:

  1. Sulla nota in fondo. La leggenda è talmente forte che arriva in tribunale. Una ragazza Rom è stata condannata perché accusata di voler rapire un bimbo, in un sobborgo laziale. Le è stata recentemente pure negata la possibilità di arresto domiciliare, perché (cito a braccia) la sua matrice culturale rende probabile una reiterazione del reato.

    RispondiElimina
  2. Vivo da decenni in Romania e ho conosciuto molti tzigani, buoni e cattivi, come dappertutto e con alcuni ho fatto anche amicizia. Un anno fa poi, in Moldavia ho conosciuto una ragazza venticinquenne che raccontandomi di se, non discutendo di politica o di etnie mi ha raccontato che da bambina verso i 3 o 4 anni e' stata rapita, decisamente rapita, inequivocabilmente rapita, per strada,a Chishinau seppure solo per mezzo minuto da una donna zingara, eppoi e' stata subito ritrovata e recuperata a forza dalla madre.
    Non ci sono state denunce, ne' altri strascichi.
    Preciso che in Repubblica di Moldavia la presenza degli zingari e' modestissima quantitativamente (salvo nella sola citta' di Soroca) e che non e' vissuta come un problema da nessuno e neanche a Soroca. Sono integrati e sedentarizzati. Tutto cio' avviene a differenza di alcune zone della Romania dove vi sono stati scontri tra poveri originati da furti in ambito agricolo), e dove esistono ancora forme di nomadismo coi carretti e zone di degrado urbano, nonche' disoccupazione piu' alta che per i non zingari.

    Questa la mia esperienza che riporta dichiarazioni altrui, senza aggiunte o altre modifiche da parte mia.

    In quanto alla inutilita' per un popolo con molti figli di rapirne altri, confermo che il ragionamento e' perfettamente valido anche a me a livello di intera popolazione, ma IPOTIZZO che in caso di sterilita' individuale la cosa possa essere ben diversa, e dato che nessuno oggi da figli in adozione a dei nomadi, non appare impossibile che qualche donna arrivi a rapire un un bambino, anche per l'interesse economico di chiedere l'elemosina insieme a lui eppoi per averne sostegno in vecchiaia.
    D'altronde questo (insieme ad altre ipotesi alternative) potrebbe anche spiegare l'esistenza di persone bionde e di pelle ed occhi chiari in mezzo alla massa di bruni di tipo indiano.
    Insomma l'esistenza di casi inverosimili di accuse di rapimenti non esaurisce automaticamente la possibilita' di casi forse piu' verosimili.

    RispondiElimina
  3. Caro Prometheus, in effetti, in certe condizioni sociali, i bambini hanno valore economico come manodopera e si sviluppano delle strutture economiche dedicate al loro sfruttamento. Questo avviene in economie prevalentemente agricole. Io stesso ho conosciuto una signora cinese che mi ha raccontato che una sua amica era stata rapita da piccola - in Cina e da dei cinesi - per essere venduta ai contadini e messa a lavorare nei campi.

    Da quello che mi ha raccontato questa signora, esisteva in Cina una vera e propria organizzazione dedicata a rapire bambini in città e a venderli in campagna. Non so se sia vero, ma mi pare verosimile.

    Ma questo può avvenire soltanto in una società agricola. Nel mondo di oggi, è tutta un'altra cosa e in campagna non c'è nessun mercato per i bambini rapiti in città.

    Questo non vuol dire che qualche individuo Rom o non Rom che sia, possa voler rapire dei bambini perchè - per esempio - ha un problema di sterilità. Quello che, viceversa, è quasi impossibile credere è che ci sia gente in Italia convintissima che i Rom si dedichino abitualmente al ratto dei bambini. Eppure e così. Potenza delle leggende.

    Per quanto riguarda l'esistenza di persone bionde e di occhi chiari fra i Rom, io ho una spiegazione molto, molto più semplice di quella del ratto dei bambini :-)

    RispondiElimina
  4. Tu scrivi "come in tutte le culture contadine", ecc. Di grazia, di culturalmente contadino, cosa avrebbero i "rom"?

    RispondiElimina